Archivio, Rfid Italia

5 buone ragioni per sperimentare il digital signage

1 9

I retailer del 2012 si trovano davanti a una nuova sfida: attirare l’attenzione del consumatore, possibilmente a costi ridotti. E come se non attraverso schermi digitali e interattivi?

Gli store classici faticano a farsi notare e ricorrono spesso a  soluzioni (campagne social, guerrilla, deal e coupon) che confondono il consumer, disorientano il comportamento d’acquisto e vanno a riempire le tasche dell’e-commerce, solo in Italia in crescita del 20% rispetto al 2010 (fonte Mec).

Tuttavia, il digital signage sembra rappresentare una risposta concreta del retail al dilagare dello shopping online. Colpisce i punti giusti del consumatore aumentando le vendite dal 15 al 30%, con dei picchi del 60% (fonte Ipsos) e assolve svariati compiti strategici all’interno del punto vendita.

Esperti del settore hanno avuto a dire che le installazioni di schermi e/o totem digitali soddisfano la voglia di acquisto del consumer e ne accarezzano la vanità tecnologica, fungendo da enormi smartphone in-store. Sempre secondo Ipsos infatti, il 55% dei consumatori è influenzato dai digital media durante l’atto d’acquisto,  il 68% nota gli schermi all’interno di un punto vendita dotato di display attivi, e il 41% ricorda i prodotti o le marche presentati in digitale.

Un vantaggio ulteriore legato a questa applicazione sta nella capacità di canalizzare le attrazioni da shopping in un unico medium e di rielaborare i dati raccolti sotto forma di statistiche, fruibili in tempo reale.

L’uso del digital signage va quindi ben oltre il semplice impatto visivo e aiuta il retailer a monitorare costantemente il flusso d’acquisto all’interno del punto vendita. Dalla profilazione real time della clientela all’elaborazione di strategie da applicare nell’immediato, basta accedere al software di gestione degli schermi digitali e estrapolarne le informazioni di cui si ha bisogno.

Il digital signage presenta diversi vantaggi competitivi, cinque i principali:

1 – Possibilità di conoscere in tempo reale il grado di soddisfazione del cliente

I gestionali consentono una proiezione in tempo reale dell’indice di gradimento dell’utente finale attraverso l’elaborazione immediata di dati quali la permanenza davanti al totem, i campi esplorati e così via

2 – Possibilità di monitorare la disponibilità dei prodotti a scaffale e in magazzino, in modo da agevolare attività di back-end

È plausibile pensare che i dispositivi digitali fungano da agglomera tori di informazioni che riguardano i prodotti (codice identificativo, posizione all’interno dello store e o in magazzino). L’analisi del prodotti più  comprati permette di controllare sempre cosa il negozio ha in esposizione e di conseguenza cosa inizia a scarseggiare in magazzino.

3 – Possibilità di lanciare offerte online esclusive direttamente dal negozio

Il digital signage funge da promoter digitale vero e proprio. Al posto del coupon cartaceo è possibile chiedere al consumer cliccare su di un’immagine e rispondere a un quesito. Si aumenta l’engagement e si risparmia cellulosa.

4 – Possibilità di creare uno Shop Online all’interno dello store fisico

Il totem o schermo digitale installato in negozio può svolgere la funzione di portale di e-commerce. Per esempio, un cliente può interagire con la tecnologia, acquistare un articolo e ritirarlo in cassa già impacchettato.

5 – Possibilità di utilizzare la geolocalizzazione e le offerte lampo per attirare clienti e incrementare le vendite

Servizi come Foursquare o tecnologie come il Qr code consentono di creare campagne geolocalizzate all’interno del punto vendita che implicano un’operazione di check-in e la fruizione di uno sconto o di un altro qualsivoglia vantaggio.

Tecnologia digitale e interazione in-store diventano un’alternativa valida e parsimoniosa alle campagne pubblicitarie mainstream e al servizio customer care tradizionale. Un modo nuovo di fare passaparola sulla Rete, che inizia direttamente dal negozio.

Microsite di:  / 

Serena Gallucci

Junior Editor e Social Network Specialist di The Biz Loft

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • navigatori wearable technology

    I navigatori bluetooth fanno… passi da gigante: arrivano le scarpe intelligenti integrate con Google Maps

    Navigatori sempre più intelligenti, sensorizzati e integrati in tante cose diverse. Ad esempio le scarpe, su cui diverse società sportive (Adidas e Nike per esempio) stanno portando avanti le loro sperimentazioni. Ducere Technologies, invece di pensare allo sport a pensato agli ipovedenti, inventando le scarpe intelligenti che fungono da navigatori: si chiamano Lechal, che in Hindi significa, non…

  • negozio_2.0

    Negozi 2.0 nelle smart city: anche l’innovazione è un servizio (intelligente)

    Il retail, rispetto ad altri settori, ha conosciuto l’informatica molto tardi, ma oggi i negozi 2.0 stanno diventando un obiettivo per moltissimi operatori della distribuzione. Come? Migrando verso i concept store e utilizzando Rfid, Nfc, sensori e tutto quello che, in sintesi, è digital innovation.Migliorare la shopping experience, potenziare la forza del brand, aumentare l’efficacia…

  • digital-signage-management

    Digital signage management sempre più spettacolare per Benetton che ingaggia le persone con la realtà aumentata

    Non se ne parla mai abbastanza ma dal cristallo alle superfici capacitive il digital signage management in vetrina sempre più spesso è un’occasione ad alto tasso di ingaggio. Grazie all’evoluzione tecnologica Benetton in corso Vittorio Emanuele a Milano ha iniziato una nuova forma nuova e creativa di intrettenimento scenico. A sfruttare la sensoristica di nuova generazione una piattaforma che combina motion capture, realtà…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…