Guide, Rfid Italia

5 tag Rfid che funzionano con il metallo

2 67

Alluminio, acciaio, ferro… I metalli sono uno degli incubi peggiori di chi vuole usare la tecnologia Rfid (Radio Frequency Identification) per tracciare merci, prodotti, beni di consumo. Perché quando c’è un metallo di mezzo, l’efficienza delle etichette Rfid cala radicalmente.
Le soluzioni però ci sono. Con una buona analisi del contesto ambientale, una buona capacità di progettazione del sistema e i tag giusti il problema è quasi sempre superabile.

La scelta dei tag è quindi fondamentale. Ecco una selezione di cinque nuovi tag Rfid passivi che sono stati progettati per essere efficaci anche quando devono tracciare i metalli.

1. Global Track di Xerafy
Pensato soprattutto per la logistica, la tracciabilità e la gestione degli asset, questo tag funziona sia “vicino” al metallo che a stretto contatto. Il produttore è di Hong Kong e ha basato la propria strategia proprio sulla compatibilità con i metalli.
Per approfondire

2. InLine Tag Ultra di HID Global
Non è un tag, ma una famiglia di cinque tag diversi, progettati per funzionare in presenza di una vasta gamma di materiali, metalli compresi. È noto per essere versatile e molto resistente e per questo è usato spesso nella logistica pesante. Il produttore è californiano.
Per approfondire

3. RS-102 Raiser Tag di Troi Rfid
L’azienda che lo produce lo chiama il “tag corazzato”. L’ RS-102 è unico nel suo genere perchè è progettato appositamente per adattarsi ad ambienti ostili, soprattutto nel settore delle raffinerie e degli impianti di estrazione di idrocarburi. È equipaggiato con una speciale vernice adesiva. Il produttore è americano.
Per approfondire

4. XS Tags di Xerafy
Un altro tag dallo specialista di Hong Kong Xerafy. Un tag dedicato, piccolissimo e adatto a essere applicato ai metalli. Per questo viene scelto in molti casi per tracciare gli strumenti chirurgici. Il produttore è di Hong Kong.
Per approfondire

5. FRcamp di Titan Blade
Prodotto dalla società coreana RFcamp, questo tag viene usato molto spesso con successo in applicazioni di tracciabilità degli automezzi o di altri asset. Resiste a temperature fino a 200 gradi ed è stato lanciato nell’agosto del 2011.
Per approfondire

Microsite di:  / 

Redazione The Biz Loft
Redazione The Biz Loft

La redazione di The Biz Loft coordina la produzione di approfondimenti, video e inchieste per Rfid Italia e Sbiz, Fashion 2 e 1 Minuto.

2 Commenti

  1. Pingback

    L’Rfid è ecologico? | The Biz Loft

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

  • Gioielli-intelligenti-nella-Internet-of-Things

    Gioielli intelligenti: la Internet of Things va di moda ed è preziosa (soprattutto perché torna utile)

    Gioielli intelligenti che, grazie a uno speciale sensore, indossati avvertono che è arrivata posta, sta suonando il telefono sprofondato nella borsa o un messaggio urge risposta. Nella Internet of Things la digital life e le tecnologie indossabili sono un must indissolubile: il ciondolo, il bracciale o l’anello diventano comunicanti ed è una bella cosa. La moda è effimera, capricciosa e volatile,…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…