Guide, Rfid Italia

Rfid fatto in casa? Con Arduino si può. Ecco 5 esempi ben riusciti

4 2245

Arduino è una delle invenzioni tecnologiche italiane del secolo. E quasi nessuno lo sa. Vent’anni fa l’elettronica si faceva assemblando componenti su una scheda. Radio, trasformatori e altri marchingegni si potevano fare in casa ed erano molti gli hobbisti che si cimentavano (spesso con successo) con il digitale fai-da-te. Poi tutto si è fatto complicato: l’elettronica si è fusa con l’informatica, i componenti sono diventati molto più piccoli e gli hobbisti si sono arresi.

Non tutti, però. Nel 2005, a Ivrea (patria dell’Olivetti, orgoglio dell’ICT Made in Italy) 5 tecnici hanno messo a punto una piattaforma di sviluppo chiamata Arduino che aveva tre importanti assi al suo arco: era facile e ben spiegata, open source e realizzabile con un costo di poche decine di euro.
Arduino è diventata molto popolare: solo nel 2008 è stata venduta in più di 50 mila copie. Con Arduino si possono costruire nel garage di casa telecomandi, sintetizzatori, radio e perfino sistemi Rfid. Magari non sistemi complessi capaci di far funzionare la filiera di Wal-Mart, ma dispositivi comunque utili (e funzionanti) per applicazioni particolari. Eccone cinque, selezionati per voi da The Biz Loft.

Arduino che ti permette di sfogarti con i graffiti digitali

arduino-tutorial-vandaliVandalSpray (clicca sull’immagine per vedere il video) è il prototipo di una bomboletta spray elettronica. L’idea è nata da un progetto di tesi ed è un prodotto che può essere paragonato alle classiche bombolette spray per eseguire graffiti. Ma non su un muro della città, bensì su uno schermo digitale. Il progetto è stato elaborato da Martin Radlinger, Interactive Developer & Desiner, con la collaborazione del team Less Rain. Il prototipo, per eseguire graffiti digitali su uno schermo, utilizza Arduino con diversi sensori e moduli tra cui un reader Rfid e un set di applicazioni software sviluppate ad-hoc. La bomboletta elettronica spruzza lo spray digitale semplicemente puntandola sull’apposito schermo e in base al movimento fisico della mano il sistema di sensori rileva l’esatta posizione della bomboletta.

Arduino che ti avverte quando prendere la pillola

arduino-memoriaRFID Meter è un progetto creato da Mark Ficket la cui funzione è rispondere alla domanda “Ho preso già questa pillola?”. Lo scopo del prototipo è appunto quello di tener traccia delle medicine già assunte e quelle ancora da assumere. Al circuito Arduino è stato incorporato il modulo Rfid reader collegato ad alcuni segnalatori visivi e sonori. È sufficiente avvicinare la confezione di medicine, a cui è stato preventivamente applicato il tag Rfid, per avere il riscontro quindi la risposta alla domanda. Se il led verde si accende significa che quella pillola è già stata assunta. Se si accede il led rosso è ancora da prendere. RFID Meter riesce a gestire diverse scatole di medicine e anche gli intervalli di tempo di assunzione (ad esempio giornaliero, ogni 12 ore o ogni 4 o 6 ore).

Arduino che apre le porte senza muovere un dito

arduino-aprire-porteEthan Zonca, studente alla Cedarville University ha realizzato un progetto molto economico di un apriporta motorizzato per individui eccezionalmente pigri. Il sistema si compone di una scheda Arduino che, attraverso alcuni nastri e motori elettrici, aziona la maniglia della porta facendola ruotare. Il modulo Rfid (è stato usato un lettore chiamato SparkFun Rfid Reader, che costa circa 25 euro) permette di azionare la maniglia quando si è in prossimità della porta, ma il sistema prevede anche l’apertura della serratura anche da molto più lontano e lo fa utilizzando una semplice web application.

Arduino che mette “in play” senza muovere un dito

arduino-ascoltare-musicaIl prototipo amatoriale Magic Table Music RFID (clicca sull’immagine per vedere il video) realizzato da Terrence O’Bien è rivolto ai bambini affetti da disabilità motoria; il progetto infatti permette di collegare un iPod o un iPhone alla scheda Arduino e all’impianto stereo di casa. Dopo aver effettuato il pairing (l’accoppiamento) con l’iPod, il sistema è pronto per riprodurre musica senza bisogno di premere alcun pulsante: basterà  avvicinare le custodie dei cd al Magic Table. Il tutto funziona grazie al reader Rfid applicato al controllore, che legge i tag Rfid applicati sulle custodie dei cd.

Arduino che ti fa riprovare il fascino del vecchio vinile

arduino-vinileUn progetto del tutto simile al precedente, ma meno amatoriale, è quello messo a punto da Ideo con il prototipo chiamato C60 Redux (video). Il concetto alla base del progetto è quello di ritornare alla manualità che si aveva con i dischi in vinile, permettendo quindi ai nuovi standard di musica digitale di avere un certo fascino. Il lettore musicale è composto da diversi circuiti Arduino Pro Mini a cui sono stati collegati 54 reader Rfid, il tutto racchiuso in un vecchio case di un giradischi. Il lettore C60 Redux, collegato al pc e all’impianto audio, leggerà i tag Rfid applicati su cartoncini. In base a come verranno posizionati i tag il lettore riprodurrà in ordine i brani sul pc.

Microsite di:  / 

Tiberio Romio

Tiberio Romio è un giornalista pubblicista esperto in tematiche relative all'Rfid e all'identificazione automatica

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • pneumatici per semirimorchi Michelin X multi T

    Pneumatici per semirimorchi dotati di tag Rfid: Michelin punta sull’innovazione a radiofrequenza per la gamma X Multi T

    I sensori Rfid sono sempre più impiegati nel settore dei trasporti per ottimizzare le prestazioni dei veicoli, la sicurezza su strada e le operazioni di manutenzione: Michelin integra l’identificazione a radiofrequenza nella serie di pneumatici per semirimorchi X Multi T. I tag Rfid inseriti negli pneumatici per semirimorchi sono in grado di memorizzare tutti i…

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…