Archivio, News dai Soci

Aton e il TechAlab uniti nella lotta alla contraffazione

0

Il Gruppo Aton conferma il proprio impegno nella tutela del Made in Italy mettendo a disposizione del nuovo e prestigioso laboratorio il proprio middleware .onID

Aton S.p.A, leader italiano nel mercato delle soluzioni e servizi per l’informatica distribuita e mobile, annuncia la propria partecipazione al TechAlab, il laboratorio nato dalla collaborazione tra il CATTID centro di ricerca della Sapienza Università di Roma ed il Ministero dello Sviluppo Economico – Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, che ha l’obiettivo di promuovere l’utilizzo delle tecnologie volte a combattere la contraffazione e a difendere la competitività delle aziende italiane e l’originalità dei loro prodotti.

Mettendo gratuitamente a disposizione del TechAlab .onID, l’unico middleware italiano capace di far comunicare in modo intelligente i tag RFID con i sistemi informativi delle imprese e delle istituzioni, Aton conferma il proprio continuo impegno nel supporto delle attività legate alla tutela del Made in Italy.

“L’economia italiana sta attraversando una fase di difficoltà. Ma è proprio in momenti come questi che le imprese del Paese sono chiamate a profondere il massimo impegno per preparare un futuro migliore”, ha dichiarato Giovanni Bonamigo, Marketing & Innovation Director di Aton S.p.A. “Da anni Aton ha scelto di fare la sua parte mettendo il meglio della propria tecnologia a disposizione del motore della nostra economia, ovvero quei comparti del Made in Italy, come il fashion e l’agroalimentare, che ci qualificano come leader sui mercati internazionali. Questa nuova collaborazione con il TechAlab rappresenta un nuovo, importante passo in questa direzione”.

“Il TechAlab nasce con l’obiettivo di rendere più efficace la lotta alla contraffazione generando un circolo virtuoso fra ricerca, istituzioni e imprese” ha dichiarato Tatiana Azzalin, Responsabile dell’Area Anticontraffazione del TechAlab. “Abbiamo quindi accolto con grande soddisfazione la partecipazione al progetto del Gruppo Aton e delle altre imprese che con passione hanno scelto di mettere a disposizione le proprie migliori tecnologie per contribuire attivamente a fare del TechAlab un punto di riferimento nazionale per la tutela del Made in Italy”.

Negli ultimi anni la tecnologia RFID (Radio Frequency Identification) si è dimostrata uno strumento efficace per la protezione del Made in Italy lungo tutta la filiera, tanto in Italia quanto all’estero.
.onID è un middleware RFID (Radio Frequency Identification) che gestisce i dati che provengono dai dispositivi sul campo, li filtra, li aggrega e li indirizza ai suoi effettivi utilizzatori tramite un applicativo di front-end quale un ERP o qualsiasi altro sistema gestionale. Nell’ambito dell’anticontraffazione, .onID si presta a numerose applicazioni e rappresenta un tassello fondamentale per le imprese e le istituzioni che intendono usare la tecnologia RFID per rendere più efficaci le proprie tecniche di anticontraffazione.

Maggiori informazioni su .onID sono disponibili su qui.

Microsite di:  / 

Gruppo Aton

Aton S.p.A., leader italiano nel mercato dell’Enterprise Mobility con una particolare specializzazione nelle tecnologie e nelle soluzioni in ambito Rfid, ha maturato oltre vent’anni di esperienza nel settore Wireless e Mobile Computing fornendo soluzioni strategiche e servizi per i mobile worker impegnati nella gestione informatizzata di tutte le fasi della Supply Chain (produzione, logistica e distribuzione) e nelle applicazioni di Field Force Automation.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

  • Gioielli-intelligenti-nella-Internet-of-Things

    Gioielli intelligenti: la Internet of Things va di moda ed è preziosa (soprattutto perché torna utile)

    Gioielli intelligenti che, grazie a uno speciale sensore, indossati avvertono che è arrivata posta, sta suonando il telefono sprofondato nella borsa o un messaggio urge risposta. Nella Internet of Things la digital life e le tecnologie indossabili sono un must indissolubile: il ciondolo, il bracciale o l’anello diventano comunicanti ed è una bella cosa. La moda è effimera, capricciosa e volatile,…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…