Archivio, News dai Soci

Aton Green: la Business Unit di Aton dedicata all’ambiente e all’energia

0 4

Il 2011 segna la nascita di Aton Green la Business Unit di Aton che offre esperienza e conoscenza del settore Oil & Gas e Utilities per rispondere in maniera puntuale e flessibile alle esigenze dei propri clienti nel rispetto dell’ambiente.

Il mondo dell’Oil & Gas e delle Utilities è caratterizzato da processi complessi per numero di risorse e mezzi coinvolti, distribuzione geografica sul territorio e necessità di coordinamento tra le parti per garantire il risultato. Per questo Aton ha pensato di organizzare al proprio interno una divisione completamente dedicata a questo settore in grado di fornire un servizio ancor più specializzato.

Aton Green nasce già con un bagaglio di esperienze costellato di grandi marchi: Aton nella sua esperienza ha, infatti, fornito servizi a gruppi del calibro di Api-Ip, Energas Q8, Sol, Liquigas e Eni. “La decisione di strutturare una divisione completamente dedicata al settore nasce proprio dalla nostra esperienza sul campo” afferma Giorgio De Nardi, presidente di Aton “studiando soluzioni ad hoc e perfezionando di volta in volta la nostra offerta abbiamo acquisito una specializzazione profonda nel campo delle utilities che ci ha dato la forza di strutturare la nostra competenza in una business unit dedicata”.

Elementi chiave per garantire il successo delle aziende che fanno business nel mondo della distribuzione del Gpl sono la soddisfazione del cliente finale, ottenuta attraverso l’approvvigionamento del prodotto in maniera tempestiva e secondo gli standard di sicurezza, e il controllo del “centro di costo cliente” per poter costruire previsioni di vendita. Per raggiungere questi obiettivi è necessario monitorare facilmente una rete commerciale distribuita in modo capillare, controllare in maniera puntuale i consumi, difendersi dalle frodi (scarichi di prodotto di terzi sui propri clienti).

L’offerta di Aton Green per il settore si concentra nella triangolazione fra rilevazione satellitare dei mezzi adibiti alla distribuzione o raccolta dei prodotti, identificazione con posizionamento geostazionario dei punti di raccolta/prelievo e univoca certificazione elettronica delle attività dell’operatore preposto alle attività sul campo.

“Grazie a queste rilevazioni ottenute attraverso i dispositivi di tele-lettura (Smart Grid) e tele-gestione o tele-controllo è possibile massimizzare le informazioni sugli asset distribuiti sul territorio permettendo la minimizzazione dei costi, la distribuzione ottimizzata e la totale fidelizzazione dei clienti” racconta Alberto De Nardi, managing director di Aton Green “Ma quello che offre Aton Green non è un semplice pacchetto hardware e software preconfezionato, bensì un’analisi delle esigenze del cliente per fornire il servizio più adatto, infatti, la nostra offerta si è estesa anche alle società per la distribuzione dell’acqua e la raccolta dei rifiuti che presentano alcune caratteristiche simili ad aziende già nostre clienti, ma allo stesso tempo richiedono soluzioni personalizzate”.

Aton Green ha ufficialmente presentato la propria offerta all’Aegpl Congress 2011, l’evento europeo dedicato al settore del Gpl, che si è svolto a Bucharest dal 22 al 24 giugno presso il Palazzo del Parlamento.

Microsite di:  / 

Gruppo Aton

Aton S.p.A., leader italiano nel mercato dell’Enterprise Mobility con una particolare specializzazione nelle tecnologie e nelle soluzioni in ambito Rfid, ha maturato oltre vent’anni di esperienza nel settore Wireless e Mobile Computing fornendo soluzioni strategiche e servizi per i mobile worker impegnati nella gestione informatizzata di tutte le fasi della Supply Chain (produzione, logistica e distribuzione) e nelle applicazioni di Field Force Automation.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • navigatori wearable technology

    I navigatori bluetooth fanno… passi da gigante: arrivano le scarpe intelligenti integrate con Google Maps

    Navigatori sempre più intelligenti, sensorizzati e integrati in tante cose diverse. Ad esempio le scarpe, su cui diverse società sportive (Adidas e Nike per esempio) stanno portando avanti le loro sperimentazioni. Ducere Technologies, invece di pensare allo sport a pensato agli ipovedenti, inventando le scarpe intelligenti che fungono da navigatori: si chiamano Lechal, che in Hindi significa, non…

  • negozio_2.0

    Negozi 2.0 nelle smart city: anche l’innovazione è un servizio (intelligente)

    Il retail, rispetto ad altri settori, ha conosciuto l’informatica molto tardi, ma oggi i negozi 2.0 stanno diventando un obiettivo per moltissimi operatori della distribuzione. Come? Migrando verso i concept store e utilizzando Rfid, Nfc, sensori e tutto quello che, in sintesi, è digital innovation.Migliorare la shopping experience, potenziare la forza del brand, aumentare l’efficacia…

  • digital-signage-management

    Digital signage management sempre più spettacolare per Benetton che ingaggia le persone con la realtà aumentata

    Non se ne parla mai abbastanza ma dal cristallo alle superfici capacitive il digital signage management in vetrina sempre più spesso è un’occasione ad alto tasso di ingaggio. Grazie all’evoluzione tecnologica Benetton in corso Vittorio Emanuele a Milano ha iniziato una nuova forma nuova e creativa di intrettenimento scenico. A sfruttare la sensoristica di nuova generazione una piattaforma che combina motion capture, realtà…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…