Opinioni, Rfid Italia

Bergamo e Innovazione: una nazione “mammona” che odia cambiare

0 2

Rfid, sensori, business intelligence, strumenti di Crm, digital signage, smartphone, tablet: gli strumenti ci sono tutti. E allora che cosa impedisce alle aziende italiane di innovare? Al di là di tutti quegli impedimenti a noi ormai ahimè troppo noti (burocrazia, lobby, leggi e … ) vi sono delle dinamiche molto chiare all’interno del nostro cervello che ci raccontano di scenari poco conosciuti.

Siamo un popolo tradizionalista, e chi ama la tradizione non ama intraprendere le strade nuove, cambiare direzione, sperimentare. A noi piace la conservazione aiutati in ciò (o penalizzati a seconda dal punto di vista) dall’immenso tesoro artistico e storico presente sul nostro territorio che ci porta ad essere oggi, più costruttori di musei piuttosto che di laboratori di sperimentazione: insomma, la storia come palla al piede.

Ma anche il nostro atteggiamento “mammone” ci parla di conservazione, di rifiuto del futuro, di appiattimento sui ricordi e i sentimenti. Abbiamo nella mente la sindrome della linea dritta, cioè di quella consequezialità che ci dona una specie di assuefazionante tranquillità denominata status quo. L’eccitazione per un atteggiamento di disruption, necessario per cambiare direzione, quel momento così ben approfondito dagli studi di Edward de Bono, è appannaggio di altri popoli. Diventeremo una nazione-museo?

Per riconoscere, in una giornata esperienziale ed immersiva, l’innovazione come driver per uscire dall’empasse della prossima recessione, c’è un appuntamento presso la Camera di Commercio di Bergamo denominato INNO2DAYS: appuntamento il 21 settembre 2011 dalle ore 10 di mattino alle 17 pm. Conservatori esclusi!


P.S. Il 21 settembre 2011 dalle ore 10 alle 17.30 alla Camera di Commercio di Bergamo, Via Petrarca 10, si svolgerà Inno2Days, un open day di ‘full immersion’ nel cambiamento e nell’innovazione, rivolto in particolare alle Pmi.

Microsite di:  / 

Fabrizio Bellavista

È partner dell'Istituto di Ricerca Psycho Research, vice presidente del Premio Cultura di Rete e project manager di nuovi format di incontro e condivisione come ‘MarketingCamp’, ‘Conversazioni Interattive’, ‘Innovative Day’ e ‘Inno2Days’. È membro del dipartimento di Neuromarketing dell’Associazione Italiana Marketing. La sua attuale attività in rete è focalizzata su interventi di New Relations,Web Reputation e Social Vision finalizzati alla costruzione di un nuovo ecosistema digitale.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • pneumatici per semirimorchi Michelin X multi T

    Pneumatici per semirimorchi dotati di tag Rfid: Michelin punta sull’innovazione a radiofrequenza per la gamma X Multi T

    I sensori Rfid sono sempre più impiegati nel settore dei trasporti per ottimizzare le prestazioni dei veicoli, la sicurezza su strada e le operazioni di manutenzione: Michelin integra l’identificazione a radiofrequenza nella serie di pneumatici per semirimorchi X Multi T. I tag Rfid inseriti negli pneumatici per semirimorchi sono in grado di memorizzare tutti i…

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…