Archivio, Social Media

Business: con l’offshoring non è tutta farina del mio sacco

0 1

L’offshoring è diventato così integrato nei processi It che il 65% delle aziende ne fa uso per qualche aspetto del proprio business. Il dato viene evidenziato nell’annuale ricerca sui budget It e le tendenze tecnologiche realizzata dalla Society of Information Management (Sim). L’indagine è stata realizzata su un campione di 275 grandi aziende, intervistando i Cio o figura assimilabile.

Un quarto delle aziende che utilizza servizi offshore ha fatto questa scelta per far funzionare esistenti applicazioni di sistema, mentre un altro 20% ne fa uso per gestire la propria infrastruttura.

Ci sono numerosi dati, su vari aspetti delle attuali organizzazioni aziendali che vale la pena segnalare, soprattutto con riferimento all’attuale delicata fase economica. Per esempio, il turnover dei dipendenti nel 2010 è stato del 5,5%, più o meno allo stesso livello al quale arriverà quest’anno. Dal 2006 a oggi, la media è stata del 5,92%. La stabilità di questa cifra sottolinea come molti appartenenti alla vecchia guardia, che avrebbero dovuto lasciare le rispettive aziende, in realtà non lo hanno fatto. La durata media di un Cio nel proprio posto di lavoro è di 4,36 anni.

In linea generale, le grandi aziende non stanno tagliando l’It. Lo scorso anno il 65% del campione aveva dichiarato che il budget sarebbe stato uguale o superiore a quello dell’anno precedente. Quest’anno la percentuale è salita all’83% e un numero quasi analogo (85%) ritiene che nel 2012 il budget sarà simile o superiore a quello attuale.

A rafforzamento di questa tendenza, si segnala che la prima priorità evidenziata dal top management è l’allineamento al business, mentre l’ultima (la lista era di dieci voci) è la riduzione dei costi It. La ragione di questo esito sembra risiedere nel fatto che molte aziende stanno tentando di far leva sull’It per ridurre i costi altrove e non semplicemente di tagliare l’It per risparmiare denaro. Le altre priorità dell’It, in ordine di importanza espressa, comprendono l’agilità del business, il Bpm, la pianificazione strategica dell’It, l’affidabilità/efficienza, l’architettura d’impresa, la sicurezza e le innovazioni capaci di generare fatturato.

Fra le aziende che utilizzano l’offshoring, il 58% si è rivolto a fornitori indiani, mentre al secondo posto troviamo la Cina con il 10%. A seguire, c’è il Messico con il 7%, l’Europa Occidentale con il 6%, mentre Filippine, Europa dell’Est e paesi caraibici hanno totalizzato tutti

Microsite di:  / 

Roberto Bonino

Roberto Bonino è giornalista professionista dal 1990. È stato direttore responsabile del settimanale Linea EDP e ha collaborato con numerose testate giornalistiche, radiofoniche e del Web. Attualmente collabora con Il Sole 24ore e TheBizLoft. Nel 2006 ha fondato Ediformat, azienda specializzata nell'infomarketing e nella lead generation.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • pneumatici per semirimorchi Michelin X multi T

    Pneumatici per semirimorchi dotati di tag Rfid: Michelin punta sull’innovazione a radiofrequenza per la gamma X Multi T

    I sensori Rfid sono sempre più impiegati nel settore dei trasporti per ottimizzare le prestazioni dei veicoli, la sicurezza su strada e le operazioni di manutenzione: Michelin integra l’identificazione a radiofrequenza nella serie di pneumatici per semirimorchi X Multi T. I tag Rfid inseriti negli pneumatici per semirimorchi sono in grado di memorizzare tutti i…

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…