Archivio, Social Media

Business: con l’offshoring non è tutta farina del mio sacco

0 1

L’offshoring è diventato così integrato nei processi It che il 65% delle aziende ne fa uso per qualche aspetto del proprio business. Il dato viene evidenziato nell’annuale ricerca sui budget It e le tendenze tecnologiche realizzata dalla Society of Information Management (Sim). L’indagine è stata realizzata su un campione di 275 grandi aziende, intervistando i Cio o figura assimilabile.

Un quarto delle aziende che utilizza servizi offshore ha fatto questa scelta per far funzionare esistenti applicazioni di sistema, mentre un altro 20% ne fa uso per gestire la propria infrastruttura.

Ci sono numerosi dati, su vari aspetti delle attuali organizzazioni aziendali che vale la pena segnalare, soprattutto con riferimento all’attuale delicata fase economica. Per esempio, il turnover dei dipendenti nel 2010 è stato del 5,5%, più o meno allo stesso livello al quale arriverà quest’anno. Dal 2006 a oggi, la media è stata del 5,92%. La stabilità di questa cifra sottolinea come molti appartenenti alla vecchia guardia, che avrebbero dovuto lasciare le rispettive aziende, in realtà non lo hanno fatto. La durata media di un Cio nel proprio posto di lavoro è di 4,36 anni.

In linea generale, le grandi aziende non stanno tagliando l’It. Lo scorso anno il 65% del campione aveva dichiarato che il budget sarebbe stato uguale o superiore a quello dell’anno precedente. Quest’anno la percentuale è salita all’83% e un numero quasi analogo (85%) ritiene che nel 2012 il budget sarà simile o superiore a quello attuale.

A rafforzamento di questa tendenza, si segnala che la prima priorità evidenziata dal top management è l’allineamento al business, mentre l’ultima (la lista era di dieci voci) è la riduzione dei costi It. La ragione di questo esito sembra risiedere nel fatto che molte aziende stanno tentando di far leva sull’It per ridurre i costi altrove e non semplicemente di tagliare l’It per risparmiare denaro. Le altre priorità dell’It, in ordine di importanza espressa, comprendono l’agilità del business, il Bpm, la pianificazione strategica dell’It, l’affidabilità/efficienza, l’architettura d’impresa, la sicurezza e le innovazioni capaci di generare fatturato.

Fra le aziende che utilizzano l’offshoring, il 58% si è rivolto a fornitori indiani, mentre al secondo posto troviamo la Cina con il 10%. A seguire, c’è il Messico con il 7%, l’Europa Occidentale con il 6%, mentre Filippine, Europa dell’Est e paesi caraibici hanno totalizzato tutti

Microsite di:  / 

Roberto Bonino

Roberto Bonino è giornalista professionista dal 1990. È stato direttore responsabile del settimanale Linea EDP e ha collaborato con numerose testate giornalistiche, radiofoniche e del Web. Attualmente collabora con Il Sole 24ore e TheBizLoft. Nel 2006 ha fondato Ediformat, azienda specializzata nell'infomarketing e nella lead generation.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • scuola-gestione-mense-Rfid

    A scuola con i badge NFC: servizi scolastici più veloci ed efficienti nell’era delle smart city

    Tecnologia contactless e pagamenti elettronici anche a scuola, per la prenotazione dei servizi di mensa fatta direttamente da ogni bambino grazie all’Rfid, anzi, più precisamente grazie a un badge Nfc. Succede ad Agliè, comune del Piemonte che per l’anno scolastico 2014/2015 ha introdotto un sistema innovativo di tessere prepagate che, grazie a una card personale, all’ingresso della scuola…

  • Come cambia la gestione della produzione con IoT, Big Data e cloud: 4 punti fondamentali

    L’impatto di IoT, Big Data e cloud sulla gestione della produzione. L’informazione diventa …customer centrica

    Internet of Things, Big Data e cloud stanno portando cambiamenti significativi nella gestione della produzione industriale. L’informatizzazione supporta il business ma la IoT cambia le priorità degli IT manager. Smart city, domotica, smart object, auto intelligenti e sensorizzate, applicazioni Rfid o Nfc, sistemi M2M: l’Internet delle Cose nel prossimo futuro ci farà entrare in un’era ultra connessa,…

  • Acciaieria-siderurgia-Rfid

    Ori Martin sceglie l’Rfid. Così la siderurgia incontra l’identificazione automatica più innovativa

    Ori Martin, specialista nella produzione di acciai speciali per il settore automobilistico in particolare e per l’industria meccanica in generale, ha scelto di investire nell’Rfid per un progetto di identificazione automatica, automazione e controllo delle fasi successive alla produzione del tondo in rotoli laminato a caldo. Nell’acciaieria bresciana la tecnologia Rfid per l’identificazione automatica ha rappresentato una sfida impegnativa, superata grazie ad…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • Come cambia la gestione della produzione con IoT, Big Data e cloud: 4 punti fondamentali

    L’impatto di IoT, Big Data e cloud sulla gestione della produzione. L’informazione diventa …customer centrica

    Internet of Things, Big Data e cloud stanno portando cambiamenti significativi nella gestione della produzione industriale. L’informatizzazione supporta il business ma la IoT cambia le priorità degli IT manager. Smart city, domotica, smart object, auto intelligenti e sensorizzate, applicazioni Rfid o Nfc, sistemi M2M: l’Internet delle Cose nel prossimo futuro ci farà entrare in un’era ultra connessa,…

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…