Archivio, News dai Soci

Certificazione delle tecnologie Rfid utilizzate nel fashion

0 2

Il laboratorio Rfid Lab dell’Università degli Studi di Parma sta avviando il progetto “Rfid Device tested & certified for fashion use cases”, finalizzato a valutare quantitativamente le prestazioni ottenibili da device Rfid per utilizzo in ambito fashion, e a certificarne le prestazioni come appropriate per l’utilizzo nello stesso contesto.

L’avvio del progetto è stato voluto dal Board of Advisors Fashion di Rfid Lab, un gruppo di 13 primarie aziende del settore fashion ed apparel in generale, tra cui Aeffe, Branded Apparel Italia, Benetton, Diffusione Tessile, Dolce & Gabbana Industria S.P.A., Imax, Luisa Spagnoli, Miroglio Fashion, Zucchi.
Il Board of Advisors Fashion collabora dal 2008 alle attività di ricerca di Rfid Lab, e da allora ha supportato numerosi progetti di ricerca volti a quantificare i benefici della tecnologia nei diversi contesti.

“La sperimentazione ha coperto a 360° i diversi ambiti del tessile e abbigliamento, dalla logistica al retail, dall’antitaccheggio alla contraffazione – spiega Antonio Rizzi, responsabile del laboratorio Rfid Lab – nell’ultimo anno in particolare ci siamo focalizzati sul campo, attraverso il progetto Rfid Fashion Pilot”.

A conclusione di queste attività di trasferimento tecnologico, avvenuta a fine 2010, le aziende del Board of Advisors Fashion hanno manifestato l’esigenza di avviare un’attività di aggiornamento tecnologico circa le prestazioni ottenibili dai device Rfid, quali tag reader fissi e mobili, stampanti e via dicendo.
Da questa esigenza è nato il progetto “Rfid Device tested & certified for fashion use cases”, con il quale il laboratorio Rfid Lab si propone di effettuare specifici test tecnologici per valutare quantitativamente le prestazioni ottenibili da device Rfid progettati per utilizzo in ambito fashion.

“Allo scopo – spiega Eleonora Bottani, Ricercatrice presso Rfid lab e responsabile del progetto – abbiamo elaborato di concerto con il Board of Advisors Fashion un dettagliato protocollo di prova e relativi benchmark di prestazione, comprendente test relativi sia a processi logistici, sia a processi di punto vendita dell’ambito fashion”.

Aziende come Adt Tyco o Motorola hanno già sottoscritto il programma e forniranno presto tag, lettori fissi e mobili per i test sperimentali.
“Motorola Solutions è orgogliosa di partecipare al programma di certificazione avviato presso l’Università di Parma e ha lavorato a stretto contatto con il team di progetto sin dall’inizio delle attività – ha dichiarato Pankaj Shukla, Direttore Sviluppo Mercato Rfid per l’Europa e il Medio Oriente di Motorola Solutions -. Man mano che la tecnologia Rfid matura e il relativo mercato cresce, è fondamentale che i fornitori di soluzioni lavorino in collaborazione con l’industria fashion per assicurare che i prodotti Rfid soddisfino le esigenze del mercato. I ricercatori dell’Università di Parma, assieme a rivenditori e fornitori di tecnologie per il settore fashion, continuano a fare grandi passi avanti nell’estendere il valore della tecnologia Rfid a tutto il settore retail”.

I device Rfid che forniranno prestazioni superiori al benchmark condiviso dalle aziende, riceveranno un attestato di Rfid Lab, certificante il superamento dei test, con cui i partner tecnologici potranno qualificare i propri prodotti.
I risultati dei test condotti saranno inoltre presentati alle aziende del Board of Advisors Fashion di Rfid Lab nel corso di un workshop annuale di aggiornamento tecnologico, a cui parteciperanno anche i partner tecnologici. Nel corso dell’evento verranno rilasciati gli attestati ufficiali di “device tested & certified for fashion use cases”. Il primo workshop è previsto per la primavera 2012.

Riferimenti
RFID Lab – www.rfidlab.unipr.it
RFID Logistics Pilot – www.rfp.unipr.it

Per partecipare al progetto e per ulteriori informazioni:

Ing. Eleonora Bottani
Responsabile progetto “RFID Device tested & certified for fashion use cases”
Department of Industrial Engineering, University of Parma
Via G.P.Usberti 181/A – 43124 Parma, ITALY
Tel +39 0521 905872
Email eleonora.bottani@unipr.it

Prof. Antonio Rizzi
RFID Lab – Head and Founder
Department of Industrial Engineering, University of Parma
Via G.P.Usberti 181/A 43124 Parma, ITALY
Tel +39 0521 905875
Email antonio.rizzi@unipr.it

Microsite di:  / 

Rfid Lab Parma

RFID Lab (www.rfidlab.unipr.it) nasce dalla pluriennale attività di ricerca in corso presso l’Università degli Studi di Parma presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale. In tale sede si studiano le applicazioni della tecnologia RFID e del sistema EPC nei processi di business. RFID lab si propone come laboratorio d’avanguardia e di eccellenza mondiale, sede delle prime sperimentazioni italiane riguardanti la tecnologia RFID UHF class1 gen2.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • Acciaieria-siderurgia-Rfid

    Ori Martin sceglie l’Rfid. Così la siderurgia incontra l’identificazione automatica più innovativa

    Ori Martin, specialista nella produzione di acciai speciali per il settore automobilistico in particolare e per l’industria meccanica in generale, ha scelto di investire nell’Rfid per un progetto di identificazione automatica, automazione e controllo delle fasi successive alla produzione del tondo in rotoli laminato a caldo. Nell’acciaieria bresciana la tecnologia Rfid per l’identificazione automatica ha rappresentato una sfida impegnativa, superata grazie ad…

  • Servizio-wi-fi

    Un nuovo concept di servizio Wi-Fi per Gruppo Miroglio che offre un supporto omnicanale anche alla shopping experience

    Condivisione, collaboration e CRM ad alto valore aggiunto per Gruppo Miroglio che reingegnerizza il servizio Wi-Fi offrendo connessione e accesso alle informazioni a dipendenti e consumatori. Dispositivi mobili e servizi Wi-Fi diventano il braccio armato della comunicazione e del business, consentendo maggiore sicurezza e presidio anche in store. Nato nel 1947 ad Alba, in provincia di Cuneo,…

  • auto-del-futuro-Rfid

    Più sicurezza sulle strade grazie alle auto del futuro: la Internet of Things protagonista del progetto Drive C2x

    Belle, sensibili, sicure e intelligenti: le auto del futuro saranno molto più di un mezzo per gli spostamenti grazie a sensori, tag Rfid, Gprs e tecnologie da fantascienza. Gli Intelligent Trasnport System (Its) sono infatti un capitolo fondamentale delle smart city. Molti i progetti in strada. Drive C2x, ad esempio, è uno studio finanziato dall’Unione Europea per il settore automotive con…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…