News dai Soci

Focus sull’eCommerce B2c: i ricercatori del Politecnico fanno il punto

0 8

Quanto vale il mercato dell’eCommerce B2c in Italia nel 2011? Quali sono le potenzialità di sviluppo nei prossimi anni? Cosa emerge dal confronto tra l’Italia e i principali mercati occidentali? Quali sono le principali novità? Come sta evolvendo il Mobile Commerce in Italia? Con quali obiettivi e con quali aspettative i merchant italiani stanno utilizzando i Social Network?

A queste ed altre domande si cercherà di dare risposta all’Evento di presentazione della Ricerca 2011 dell’Osservatorio eCommerce B2c, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm e presentato giovedì 10 novembre ore 9.30, presso il Politecnico di Milano (Campus Bovisa) Via Durando, 10.

La Ricerca, basata su oltre 200 studi di caso, si è posta i seguenti obiettivi:

- fornire la valutazione preconsuntiva del mercato italiano dell’eCommerce B2c nel 2011, oltre al consuntivo del 2010;
- analizzare puntualmente le evoluzioni strategiche in atto;
- confrontare il mercato italiano con quello dei principali paesi occidentali;
- misurare l’utilizzo del Social Network e del canale mobile nel processo di interazione azienda-consumatore.

La presentazione dei risultati della Ricerca, realizzata con il supporto di Accenture, Amadeus Italia, Banca Sella, CartaSi, Compass, Compuware, eBay.it, frog design, Google, Hybris, Mamadigital, PayPal, TradeDoubler Italia, Ups, sarà seguita da una Tavola Rotonda a cui parteciperanno alcuni dei principali operatori dell’eCommerce B2c italiano (tra cui Amazon, Groupon, Mediamarket, Privalia).

Nel pomeriggio del 10 Novembre, dalle 14.30 alle 17.30, si terrà un Workshop di Approfondimento con i Ricercatori dell’Osservatorio finalizzato a comprendere nel dettaglio le principali evoluzioni in atto nell’ambito dell’eCommerce B2c in Italia. Diverse le questioni tematizzate:
- Quali sono stati i principali elementi di novità e discontinuità nell’ambito dell’eCommerce B2c in Italia? Quale impatto hanno avuto sul mercato?
- Quanto vale l’eCommerce nei principali comparti (Turismo, Elettronica di Consumo, Abbigliamento, Assicurazioni, ecc.) e quale il quadro strategico (business model, intensità della competizione, innovazione, ecc.)?
- Quanto vale il mercato del Mobile Commerce in Italia? Come sta evolvendo e quali sono le potenzialità di sviluppo?
- Quali sono gli approcci strategici adottati dalle aziende che hanno sviluppato efficaci progetti di Mobile Commerce?
- eCommerce e Social Network: quali gli approcci dei merchant italiani?
- Quali sono gli obiettivi e quali le aspettative dei merchant che utilizzano i Social Network?

Microsite di:  / 

Rfid Solution Center

L’RFId Solution Center è un centro di ricerca universitario, nato nell’Ottobre del 2006 da una comune visione del Politecnico di Milano, nelle sue due componenti della School of Management e del Dipartimento di Elettronica e Informazione. La missione del RFId Solution Center è sviluppare attività di ricerca applicata finalizzata alla realizzazione di progetti di valutazione delle tecnologie RFId presso significative aziende o filiere del mercato italiano ed internazionale.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

  • Gioielli-intelligenti-nella-Internet-of-Things

    Gioielli intelligenti: la Internet of Things va di moda ed è preziosa (soprattutto perché torna utile)

    Gioielli intelligenti che, grazie a uno speciale sensore, indossati avvertono che è arrivata posta, sta suonando il telefono sprofondato nella borsa o un messaggio urge risposta. Nella Internet of Things la digital life e le tecnologie indossabili sono un must indissolubile: il ciondolo, il bracciale o l’anello diventano comunicanti ed è una bella cosa. La moda è effimera, capricciosa e volatile,…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…