All News, Social Media

Home banking (e mobile banking) sempre più social: banche e clienti comunicano su Facebook, Twitter &Co…

17 145

Gli utenti web in Italia sono 37milioni (di questi, quasi 17milioni si connettono in mobilità, via smartphone o tablet): il 50% accede alla rete almeno una volta al giorno. Una presenza così massiccia online e la crescente familiarità degli utenti di ogni età con l’uso dei social hanno coinvolto anche il settore bancario, che ha sviluppato nuovi servizi di home banking e mobile banking e ha accresciuto la propria presenza sui social network: tra fan, contatti e follower i profili social delle banche contano un totale di 710mila utenti attivi.

Dalla banca tradizionale a home banking, mobile banking e social banking

Home banking, mobile banking… social banking!

Una delle principali attività online è relativa ai social network: nel nostro Paese ci sono ben 24milioni di account Facebook attivi. E proprio sui social si gioca la nuova partita della comunicazione tra aziende e clienti. Anche le banche sono state travolte da questa rivoluzione sul fronte della comunicazione tra brand e consumatori/clienti: nel complesso, gli istituti bancari in Italia contano più di 680mila fan su Facebook e quasi 25mila follower su Twitter. Per far fronte a questo social/mobile trend la maggior parte delle banche ha puntato a innovativi servizi di home banking e mobile banking, ha sviluppato applicazioni e aperto pagine sui principali social network con cui comunicare in modo semplice e diretto con utenti e clienti, far conoscere i propri servizi, gestire il customer service e creare engagement. Le banche che sfruttano una strategia social sono il 48% del totale: il canale preferito nel settore è Linkedin (71%), seguito da Facebook e Youtube (entrambi al 29%) e Twitter (21%). Da non sottovalutare, dicevamo, è anche la scelta crescente di home banking (o addirittura mobile banking): il 40% dei clienti ha ormai l’abitudine di connettersi al proprio istituto bancario direttamente dal pc di casa, dal tablet o dallo smartphone. Non solo: 3milioni di risparmiatori hanno scelto di avvalersi esclusivamente di servizi online di home banking, rinunciando a quelli tradizionali offerti presso le diverse filiali sparse sul territorio. Si stima che entro il 2017 gli utenti si recheranno presso gli sportelli fisici in media solo una o due volte l’anno. Il dato in controtendenza al boom home banking? Negli ultimi anni le banche italiane hanno aumentato il numero degli sportelli fisici, che sono passati da da 28mila a ben 33mila!
Home banking, mobile banking, social network e banche

Microsite di:  / 

Redazione The Biz Loft
Redazione The Biz Loft

La redazione di The Biz Loft coordina la produzione di approfondimenti, video e inchieste per Rfid Italia e Sbiz, Fashion 2 e 1 Minuto.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

  • Gioielli-intelligenti-nella-Internet-of-Things

    Gioielli intelligenti: la Internet of Things va di moda ed è preziosa (soprattutto perché torna utile)

    Gioielli intelligenti che, grazie a uno speciale sensore, indossati avvertono che è arrivata posta, sta suonando il telefono sprofondato nella borsa o un messaggio urge risposta. Nella Internet of Things la digital life e le tecnologie indossabili sono un must indissolubile: il ciondolo, il bracciale o l’anello diventano comunicanti ed è una bella cosa. La moda è effimera, capricciosa e volatile,…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…