Guide, Rfid Italia

Vendo iPad? No, lo uso! E trasformo il negozio con 9 idee creative.

4 41

iPad vendo: quante volte hai trovato questa scritta nelle bacheche online? Più raramente leggi invece qualcosa come ” con un iPad vendo meglio!”. Eppure nei negozi qualcuno sta già cominciando a sfruttarlo nei modi più disparati. E, a di là degli inevitabili esperimenti falliti, sono molti i casi in cui se uso con creatività un iPad vendo di più. Vediamo come.

Digital signage: un poster elettronico

ipad-vendo-megioLe dimensioni dell’iPad e le sue caratteriste grafiche si prestano bene a trasformarlo in un cartellone pubblicitario (in scala) digitale e interattivo. È possibile mostrare un spot video o uno slideshow delle campagne fotografiche del punto vendita o del brand che commercializza e individuare dei punti grafici di interazione, dove il cliente può cliccare per ottenere informazioni rilevanti. C’è anche un’App che costa poco più di 2 euro e serve proprio a questo.

Con un iPad vendo facendo Social streaming displayer

Perché non creare un hub social all’interno del punto vendita, mostrando i flussi in continuo aggiornamento delle attività online del negozio (o del brand)? Una diretta da Twitter, un tour nella pagina Facebook real time, una sbirciatina a Tumblr: il tutto, magari, costruendo un percorso di iPad dall’ingresso all’uscita del punto vendita. Se ben costruito, questo percorso tematico fidelizzerà il cliente e lo spingerà a proseguire l’esperienza anche da casa.

Social engagement creator

Simile al punto precedente, ma un passo più avanti è l’idea di trasformare l’iPad in uno strumento di social engagement, capace di coinvolgere i clienti in un’attività sui social network o sullo stesso sito web mentre ancora si trovano nel punto vendita. Un Qr code o un sistema di messaggistica istantanea possono trasformare il tablet in uno strumento interattivo e innovativo per far crescere like, follower e altri utili strumenti di fidelizzazione.

Un’App in regalo: Apps downloading service

Molti clienti (soprattutto se il negozio in questione ha un target fra i 20 e i 40 anni) avrà in tasca o nella borsa uno smartphone Apple o Android. Bene: un’iPad posizionato nel punto giusto può fungere da servizio di downloading OnSpot. In questo modo, oltre che aumentare i download dell’App, si profilano i consumatori, registrandone (se l’applicazione è ben fatta) anche dati importanti come email e numero di telefono, che a tempo debito (come in occasione di saldi o promozioni) si dimostreranno molto, molto utili.

Con l’iPad vendo online a chi ha un telefonino

La convergenza porta anche a questo. L’iPad può essere usato all’interno del punto vendita come interfaccia per acquistare prodotti che non sono presenti fisicamente in negozio. Un articolo non è disponibile né sugli scaffali né in magazzino? Un’applicazione web visualizzata sull’iPad in negozio permette al cliente di ordinarlo sul sito facendoselo spedire a casa in un paio di giorni. Gli acquisti aumentano e i dati di profilazione fanno altrettanto.

Alla cassa: Self check-out point

con-ipad-vendo-col-posForse non può ancora sostituire la cassa all’interno del negozio: con una cassa dotata di iPad vendo senza dubbio di più. Con un software di scansione di codice a barre o barcode 2D, il tablet si trasforma in un POS fai-da-te che evita le code alle casse tradizionali (ed è decisamente più cool).

Video streaming hoster

L’iPad, lo sappiamo, è anche una tv ad alte definizione in miniatura. E questo lo rende perfetto per arricchire l’esperienza del cliente (la user experience) con video di ogni genere: le ultime sfilate o gli spot nelle boutique, test di prodotto nei negozi di elettronica di consumo… Facendo un passo in più, si può arrivare a coinvolgere il cliente in prima persona, invitandolo a raccontare con un videomessaggio la sua impressione a caldo dello store.

Pause nello shopping: Game center

Il tempo che un cliente trascorre nel negozio è di solito direttamente proporzionale alla quantità di merce venduta. Così mi faccio furbo. Se ragazzi si divertono con l’iPad vendo più facilmente. È possibile scaricare una delle tante applicazioni esistenti o creare una piattaforma ad-hoc, invitando il cliente a interrompere lo shopping per una partitella. Se poi ci sono anche i premi per i più bravi (come un gadget o uno sconto extra) la cosa si fa senza dubbio ancora più interessante.

Con un iPad vendo anche senza commessa (ma non la licenzio!)

con-ipad-vendo-interattivoSe siete a corto di personale o semplicemente quello che c’è non basta più, potete sempre assumere un’iPad e formarlo affinché diventi un personal shopper d’eccellenza. Attraverso l’uso incrociato di cataloghi interattivi, realtà aumentata e virtual fitting, il tablet diventa un ottimo supporto all’acquisto. Da un lato con l’iPad vendo risparmiando tempo: non è necessario girare per il negozio. L’inventario è tutto lì, compresi i capi non in esposizione. Dall’altro, grazie all’augmented reality offro al cliente la possibilità di “provare” il capo senza fare la coda al camerino.

Alcune delle soluzioni che vi abbiamo raccontato sono già state applicate. Altre sono ancora in fieri. Ma l’iPad è destinato a fare capolino in un numero di negozi sempre maggiore. E in casi come questo, arrivare primi ha la sua importanza…

Microsite di:  / 

Serena Gallucci

Junior Editor e Social Network Specialist di The Biz Loft

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • navigatori wearable technology

    I navigatori bluetooth fanno… passi da gigante: arrivano le scarpe intelligenti integrate con Google Maps

    Navigatori sempre più intelligenti, sensorizzati e integrati in tante cose diverse. Ad esempio le scarpe, su cui diverse società sportive (Adidas e Nike per esempio) stanno portando avanti le loro sperimentazioni. Ducere Technologies, invece di pensare allo sport a pensato agli ipovedenti, inventando le scarpe intelligenti che fungono da navigatori: si chiamano Lechal, che in Hindi significa, non…

  • negozio_2.0

    Negozi 2.0 nelle smart city: anche l’innovazione è un servizio (intelligente)

    Il retail, rispetto ad altri settori, ha conosciuto l’informatica molto tardi, ma oggi i negozi 2.0 stanno diventando un obiettivo per moltissimi operatori della distribuzione. Come? Migrando verso i concept store e utilizzando Rfid, Nfc, sensori e tutto quello che, in sintesi, è digital innovation.Migliorare la shopping experience, potenziare la forza del brand, aumentare l’efficacia…

  • digital-signage-management

    Digital signage management sempre più spettacolare per Benetton che ingaggia le persone con la realtà aumentata

    Non se ne parla mai abbastanza ma dal cristallo alle superfici capacitive il digital signage management in vetrina sempre più spesso è un’occasione ad alto tasso di ingaggio. Grazie all’evoluzione tecnologica Benetton in corso Vittorio Emanuele a Milano ha iniziato una nuova forma nuova e creativa di intrettenimento scenico. A sfruttare la sensoristica di nuova generazione una piattaforma che combina motion capture, realtà…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…