Archivio, News dai Soci

ITN 2010: il Lab#ID è il partner scientifico per l’RFId

0 3

ITN 2010
il Lab#ID è il partner scientifico per l’RFId

L’edizione 2010 dell’Infrastructures Telematics and Navigation conferma il laboratorio dell’Università Carlo Cattaneo – LIUC un punto di riferimento per l’RFId in Italia.

Non solo partner ma anche protagonista nella sessione AUTO-ID & TRACKING in programma

venerdì 12 novembre 2010, dalle 16.00 alle 17.00, al Lingotto Fiere Torino (sala 2)

Non più solo identificazione, ma anche localizzazione, è quello che si richiede sempre più spesso a i sistemi RFId. Queste nuove funzionalità, sempre basate sulla tecnologia di identificazione in radiofrequenza, aprono nuovi e interessanti scenari applicativi come quelli di cui parleranno Lab#ID e SEA a Infrastructures Telematics and Navigation 2010.
Il Lab#ID, il laboratorio sulla Radio Frequency Identification attivo all’interno della Facoltà di Ingegneria dell’Università Carlo Cattaneo – LIUC, rinnova infatti il sodalizio con gli organizzatori di ITN 2010, la due giorni di conferenze organizzata l’11 e 12 novembre 2010 da GL events Italia al Lingotto Fiere di Torino.
Tra i numerosi e prestigiosi patrocinatori della manifestazione si annoverano l’Università Carlo Cattaneo – LIUC e il Lab#ID, che, come già nell’edizione 2009, è inoltre partner scientifico per l’RFId.
Venerdì 12 novembre 2010, dalle 16.00 alle 17.00, in sala 2, Samuele Astuti, Coordinatore del Lab#ID, nel suo ruolo di chairman, coordinerà gli interventi sull’auto-id e tracking all’interno della sessione Logistic & Trasport con un contributo su “L’autoidentificazione e il tracking di merci, mezzi e persone in ambito aeroportuale: possibilità applicative ed esperienze del Lab#ID” cui seguirà l’approfondimento da parte di Caterina Castellano di SEA relativamente al progetto di gestione delle flotte di automezzi di SEA al quale lo stesso Lab#ID sta collaborando.

Informazioni e registrazioni su www.itnexpo.it

 

Microsite di:  / 

Lab Id - LIUC

Lab#ID, il laboratorio RFId dell’Università Carlo Cattaneo - LIUC (http://labid.liuc.it/) nasce come frutto dell’esperienza maturata nell’ambito delle tecnologie di auto-identificazione con la partecipazione al progetto europeo REGINS-RFId. E' stao realizzato con il contributo della Camera di Commercio di Varese e della Regione Lombardia, e la collaborazione dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • pneumatici per semirimorchi Michelin X multi T

    Pneumatici per semirimorchi dotati di tag Rfid: Michelin punta sull’innovazione a radiofrequenza per la gamma X Multi T

    I sensori Rfid sono sempre più impiegati nel settore dei trasporti per ottimizzare le prestazioni dei veicoli, la sicurezza su strada e le operazioni di manutenzione: Michelin integra l’identificazione a radiofrequenza nella serie di pneumatici per semirimorchi X Multi T. I tag Rfid inseriti negli pneumatici per semirimorchi sono in grado di memorizzare tutti i…

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…