Rfid Italia

La storia di Internet, quella vera, non nasce nel cyberspazio, ma in quello fisico

1 13

La storia di Internet è ormai quasi leggenda.  Dicono che la rete sia l’invenzione del secolo, com’è stato per la ruota o per la gravità. L’invenzione di tutti i tempi, sostiene qualche entusiasta (forse troppo entusiasta). Ma ciò che ci interessa non è solo quando e come è stata inventata.

storia-di-internetL’universo a tre Wimensioni: il cyberspazio

Paradossalmente oggi la storia di Internet è affidata a Wikipedia o alla memoria di quelli che c’erano (come Vinton Cerf). Ma alla domanda cos’è Internet, oggi molti rispondono una Rete. La storia di Internet si confonde insomma con il suo utilizzo se è vero che i più naif rispondono “è Google“. Vero è che, da decenni a questa parte, il Web è una presenza dominante della vita di ogni uomo a prescindere dal sesso, dalla religione e dall’età anagrafica. Per chi ha meno di 20 vent’anni e addirittura una componente scontata della vita. Quanto meno nelle teoria.

“Quando pensiamo alla storia di Internet e ai suoi progressi – racconta il giornalista Andrew Blum, esperto di cyber storia – non possiamo che rimanere ammirati. Molti di noi non riescono neppure a concepire che l’etere, come lo conoscono, è un soggetto in continuo sviluppo, che arriva da albori molto lontani”.

Il boom è arrivo nella decade 1999-2009, quando il periodo medio di permanenza online di un utente è passato da 0 a 100 diventando un’estensione della mente umana, una compagnia virtuale a cui rivolgersi. In verità l’aggettivo virtuale non è molto preciso se si pensa che dall’inizio della sua storia Internet dall’esercito e dalle Università oggi è arrivato nelle case, negli uffici e sui cellulari di tutti noi grazie a una serie intricata di cavi.

La storia di Internet, fra data center e Big Data

Ad aggiungere  alla storia di Internet e alla sua vocazione al virtuale un pizzico di realtà ci hanno pensato negli anni i grandi colossi del Web. Facebook e Google continuano a rinfrescare i loro data center nei boschi dell’Oregon, mentre un po’ tutta la Silicon Valley finanzia a suo modo il web. I cavi della rete collegano e sono collegati a supercomputer che raccolgono e conservano gelosamente dati d’ogni tipo. I data center di oggi sono sterminati e rappresentano, di fatto il lato nascosto dei Big Data.

E poi ci sono aggiunti gli Internet Exchange Point; infrastrutture fisiche e tangibili che permettono ai provider di gestire il traffico, capaci di intersecare i loro cavi e trasformare Internet in ciò che è: un groviglio quasi inestricabile, che incredibilmente… funziona.

I cavi non connettono solo grandi macchine tra loro, ma consentono al web di raggiungere device di ogni tipo usati tutti i giorni attraverso un’interminabile struttura di fibra ottica che ha invaso città, conquistando oceani, monti e campagne. La storia di Internet, insomma, continua.

La potenza è sotto il mare

È proprio grazie alle grandi masse d’acqua che la storia di Internet si rinnova, confermando ancora una volta la sua natura fisica. In Portogallo le spiagge che accolgono l’oceano hanno trovato lo spazio per un nuovo Wacs (West African Cable System) ovvero un sistema di comunicazione sottomarina tra Regno Unito e Repubblica del Sud Africa che coinvolge l’intera costa occidentale africana con 14 stazioni di raccordo di ben 14mila chilometri di cavi. Molti di questi tubes, per dirla all’inglese, viaggiano sott’acqua, trasportando il segnale tramite grossi cilindri usati come amplificatori.

la-storia-di-internet-infografica

La ramificazione della presenza fisica della rete nel mondo spiega quanto sia sbagliata la concezione di etere che in genere abbiamo. Il web ha forma e consistenza che vivono e respirano l’aria che lo circonda e si nutre della stessa energia che serve ad attivare un elettrodomestico.

I data center, gli Exchange Point e i Cable System sono baluardi di una fisicità che non ha intenzione di trascendere. Il mondo pullula di strutture che permettono ai nostri dati di viaggiare da un capo all’altro del pianeta mentre i  data center motorizzano il web. Perché il cyberspazio c’è, esiste ed è tra noi. Viviamo, in altre parole, un nuovo capitolo della storia di Internet. Chissà come lo racconteranno i nostri nipoti…

Microsite di:  / 

Redazione The Biz Loft
Redazione The Biz Loft

La redazione di The Biz Loft coordina la produzione di approfondimenti, video e inchieste per Rfid Italia e Sbiz, Fashion 2 e 1 Minuto.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

  • Gioielli-intelligenti-nella-Internet-of-Things

    Gioielli intelligenti: la Internet of Things va di moda ed è preziosa (soprattutto perché torna utile)

    Gioielli intelligenti che, grazie a uno speciale sensore, indossati avvertono che è arrivata posta, sta suonando il telefono sprofondato nella borsa o un messaggio urge risposta. Nella Internet of Things la digital life e le tecnologie indossabili sono un must indissolubile: il ciondolo, il bracciale o l’anello diventano comunicanti ed è una bella cosa. La moda è effimera, capricciosa e volatile,…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…