Archivio, News dai Soci

Logistica e mobilità sostenibile? Il Friuli ha imparato tanto dall’Rfid

1 7

I problemi della logistica chiamano a gran voce Rfid, sensori e sistemi di localizzazione e di gestione come risposta tecnologica che va ad affiancarsi ad azioni legislative più o meno illuminate.
Da Bruxelles la Ue cerca da un lato di promuovere una mobilità sostenibile attraverso inziative (proprio oggi è partita la settimana europea della mobilità 2011), normative (l’ultima è la tassa sul trasporto dei mezzi pesanti su cui è insorta immediatamente la categoria) e dall’altro di promuovere progetti innovativi come Euridice (EURopean Inter-Disciplinary research on Intelligent Cargo for Efficient, safe and Environment-friendly Logistics).

In questi anni l’Italia, culla della logistica anche in virtù della sua posizione strategica nel Mediterraneo, non è rimasta con le mani in mano. Tra i progetti più interessanti ricordiamo il Sec (Safe and Efficient Cargo ) in cui si coniugano criteri legati all’ Its (Intelligent Transport System) e all’Av (Automatic Vehichel Identification).

“Partito nel 2008 Sec è stato un po’ il papà di Euridice – racconta Giovanni Grieco, Business Development Manager, Embedded Products di Caen Rfid -. Il progetto, realizzato a Trieste, ha avuto una sua evoluzione tecnologica autonoma rispetto al progetto del cargo intelligente su base europea, ma resta a mio parere uno dei progetti di tracciatura dei Tir più interessanti fatti nel nostro Paese”.

Coordinato da Insiel, integratore di sistema della regione Friuli, il progetto è stato sponsorizzato dall’Assessorato ai Trasporti della Regione Friuli Venezia Giulia, che voleva dimostrare come fosse possibile ottimizzare la gestione attraverso il tracciamento dei flussi merci in entrata e uscita dalle principali infrastrutture logistiche e la gestione informatizzata di documenti, come ad esempio le domande di approdo e le richieste di imbarco/sbarco degli operatori di trasporti su gomma che transitano nel porto di Trieste.

Il progetto pilota ha previsto l’utilizzo di tecnologia Caen Rfid: i tag Uhf sono stati applicati sulla motrice di ogni tir. Al transito dell’automezzo su tre punti chiave delle infrastrutture triestine (barriera autostradale di Trieste Lisert, ingresso del terminale RoRo e ingresso dell’Autoporto di Fernetti) i tag erano identificati utilizzando dei lettori sempre forniti da Caen Rfid. Le informazioni rilevate venivano archiviate in un database centralizzato, collegato in tempo reale con tutti gli operatori coinvolti, permettendo così di sincronizzare le attività dei trasportatori, degli interporti e dei terminal marittimi.

La qualità e il livello delle informazioni registrate hanno permesso di operare in maniera proattiva sulla programmazione, riducendo il numero di spostamenti fra porto e interporti collegati, contribuendo così a ridurre l’impatto ambientale. Allo stesso modo è stato possibile effettuare un monitoraggio costante delle posizioni dei veicoli sul territorio per minimizzare i tempi di attesa agli imbarchi, che potevano essere anche anticipati a seconda delle necessità, aumentando al contempo il livello di sicurezza grazie alla localizzazione costante di qualsiasi veicolo tracciato attraverso un calcolo esatto anche dei tempi di sosta e di circolazione.

Microsite di:  / 

Caen Rfid

CAEN RFID è una società italiana a capitale privato, leader nella progettazione e produzione di lettori e tags RFID nella banda UHF. La società è nata 7 anni fa come spin-off della CAEN S.p.A., azienda quest’ultima che vanta un’esperienza trentennale nel campo dell’elettronica per esperimenti di fisica nucleare e fisica delle particelle. E' stata la prima società in Europa a produrre e distribuire lettori UHF long range. La sua partecipazione attiva ai gruppi di lavoro EPC Global, AIM Europe ed ETSI le consente di fornire lettori e tags RFID all’avanguardia. CAEN RFID è il primo produttore europeo per innovazione di prodotto e per numero di progetti attivi con tecnologia RFID UHF.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • pneumatici per semirimorchi Michelin X multi T

    Pneumatici per semirimorchi dotati di tag Rfid: Michelin punta sull’innovazione a radiofrequenza per la gamma X Multi T

    I sensori Rfid sono sempre più impiegati nel settore dei trasporti per ottimizzare le prestazioni dei veicoli, la sicurezza su strada e le operazioni di manutenzione: Michelin integra l’identificazione a radiofrequenza nella serie di pneumatici per semirimorchi X Multi T. I tag Rfid inseriti negli pneumatici per semirimorchi sono in grado di memorizzare tutti i…

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…