Opinioni, Rfid Italia

Marketing al bivio: Adapt or Die

0

Si dice che chi costruiva carrozze non ha poi prodotto automobili… direi che lo stesso sta accadendo nei nostri giorni…. chi faceva marketing e comunicazione non ha implementato il web, la comunicazione condivisa e le app, anzi ha cercato di frenare strenuamente la venuta del nuovo. Oggi ci si trova a un bivio, soprattutto italiano. Il marketing è spiazzato: c’è chi prova a cercare alleanze con chi sa usare e inventare l’Ict e chi continua a guardarsi intorno. Non c’è direzione, c’è innovazione.

Un recente articolo su Nova24 ha inquadrato benissimo quello che Richard Nisbett preconizzò nel 2004: gli orientali (è bene specificare in questo caso: cinesi, coreani e giapponesi che presentano una certa omogeneità) sono portatori di un diverso modo di pensare in cui l’ambientazione è più importante dell’oggetto, la relazione tra persone più rilevante dell’io singolo. Dici poco: quindi un pensare più liquido, fatto meno di oggetti e più di relazioni è vincente su tutti i frionti. Di fronte a questa eclatante evidenza, c’è qualcuno che sta studiando seriamente l’Oriental Thinking? La risposta è scontata.

Nell’App Store di Chrome (una realtà in costante incremento) c’è un bellissimo games dal titolo “Adapt or Die”, significativo, direi, per i tempi che corrono.

Ecco, come dice Laura Zanotti nel suo editoriale “Da Carosello a YouTube, aspettando il marketing 2.0“, il nuovo mondo è circolare: passa da Fourquare ma anche Twitter o Facebook, per poi darsi appuntamento ad un party organizzato off line in cui i consumers sono prosumers e così via….. Ma c’è una cosa fondamentale, senza la quale tutto questo mondo diventa un riflesso di quello vecchio e ci deluderà tra brevissimo: il senso di appartenenza all’universo. Eh sì, ritornano i valori ma questa volta la partita si fa più sottile di quella giocata sull’ultima scacchiera ideologica comunismo/capitalismo: sono trasversali, ecosostenibili, adattabili ed elastici. E quasi sempre in real time.

Microsite di:  / 

Fabrizio Bellavista

È partner dell'Istituto di Ricerca Psycho Research, vice presidente del Premio Cultura di Rete e project manager di nuovi format di incontro e condivisione come ‘MarketingCamp’, ‘Conversazioni Interattive’, ‘Innovative Day’ e ‘Inno2Days’. È membro del dipartimento di Neuromarketing dell’Associazione Italiana Marketing. La sua attuale attività in rete è focalizzata su interventi di New Relations,Web Reputation e Social Vision finalizzati alla costruzione di un nuovo ecosistema digitale.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • navigatori wearable technology

    I navigatori bluetooth fanno… passi da gigante: arrivano le scarpe intelligenti integrate con Google Maps

    Navigatori sempre più intelligenti, sensorizzati e integrati in tante cose diverse. Ad esempio le scarpe, su cui diverse società sportive (Adidas e Nike per esempio) stanno portando avanti le loro sperimentazioni. Ducere Technologies, invece di pensare allo sport a pensato agli ipovedenti, inventando le scarpe intelligenti che fungono da navigatori: si chiamano Lechal, che in Hindi significa, non…

  • negozio_2.0

    Negozi 2.0 nelle smart city: anche l’innovazione è un servizio (intelligente)

    Il retail, rispetto ad altri settori, ha conosciuto l’informatica molto tardi, ma oggi i negozi 2.0 stanno diventando un obiettivo per moltissimi operatori della distribuzione. Come? Migrando verso i concept store e utilizzando Rfid, Nfc, sensori e tutto quello che, in sintesi, è digital innovation.Migliorare la shopping experience, potenziare la forza del brand, aumentare l’efficacia…

  • digital-signage-management

    Digital signage management sempre più spettacolare per Benetton che ingaggia le persone con la realtà aumentata

    Non se ne parla mai abbastanza ma dal cristallo alle superfici capacitive il digital signage management in vetrina sempre più spesso è un’occasione ad alto tasso di ingaggio. Grazie all’evoluzione tecnologica Benetton in corso Vittorio Emanuele a Milano ha iniziato una nuova forma nuova e creativa di intrettenimento scenico. A sfruttare la sensoristica di nuova generazione una piattaforma che combina motion capture, realtà…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…