All News, Rfid Italia, Ricerca

Motion capture più chip nelle tecnologie indossabili. Smartwatch e smartglass saranno più user friendly

7 57

Dal telecomando al tap dello smartphone, dallo smart watch al motion capture di Chirp (chip dalle caratteristiche mocap che sta per MOtion CAPture): il futuro delle nanotecnologie sta diversificando le soluzioni di interazione grazie ai sensori e alle varianti Rfid. Dalla University of California è in arrivo un microprocessore che potrebbe rivoluzionare il nostro modo di interagire con tutta la tecnologia mobile di nuova generazione, smart glasses inclusi.Motion capture più user friendlyIl motion capture, cioé la tecnologia che registra e riconosce i nostri gesti fisici traducendoli in comandi, è infatti l’ultima frontiera della sperimentazione.

Motion capture anche al buio, grazie agli ultrasuoni

Richard Przybyla, ricercatore esperto di nanotecnologie dell’Università di Berkeley ha creato Chirp: il progetto prevede l’utilizzo del motion capture attraverso un circuito integrato a ultrasuoni e un chip elettronico che lavorano insieme per interpretare i gesti in tre dimensioni. Cosa significa? Che i dispositivi in cui sarà integrato Chirp gestiranno il motion capture proponendo nuove modalità di telecomando a distanza. Un bel passo avanti, che permetterà alla tecnologia indossabile di fare davvero la differenza in termini di user experience. Il sistema utilizza piccoli trasduttori ad ultrasuoni che inviano impulsi e possono, tramite determinati algoritmi, interpretare diversi gesti e convertirli in azioni sul dispositivo. Chirp consuma pochissima energia e può funzionare in condizioni di illuminazione ottimale, ma anche in completa oscurità.

Una buona occasione per le tecnologie indossabili

La soluzione non è affatto il primo esempio di tecnologia incentrata sull’interazione con i dispositivi elettronici tramite il motion capture, mail riconoscimento dei gesti è una buona occasione per la tecnologia indossabile presenta particolarità che potranno renderlo vincente, soprattutto nelle tecnologie indossabili. Il basso consumo di energia e la capacità di tradurre in comandi una vasta gamma di gesti stanno attirando grande attenzione tra le imprese del settore hi-tech. Chirp potrebbe risolvere tante problematiche legate all’interazione.
Il mercato degli smartwatch è agli albori ed è difficile predire se sarà un grande successo o meno. Schermi così piccoli, infatti, potrebbero risultare poco user friendly e non avere una grande presa sui consumatori, che si aspettano dalla tecnologia indossabile maggiori comodità, praticità e facilità di utilizzo. Questo aspetto potrebbe essere di grande utilità non solo per gli smartwatch, ma anche per dispositivi come gli smart glasses: per inviare i comandi, infatti, alcuni modelli richiedono di scorrere il dito su un piccolo (e, diciamolo, scomodo) touchpad da portare al polso. Richard Przybyla sta ancora lavorando all’ottimizzazione di Chirp e il progetto a lungo termine prevede la costituzione di una società che venderà la nuova tecnologia a produttori di hardware. Ma, come lui, altri ricercatori stanno lavorando in questo senso: per chi se lo ricorda, sul fronte del motion capture già l’anno scorso Leap prometteva rivoluzioni, bypassando addirittura il concetto di mouse…

Microsite di:  / 

Redazione The Biz Loft
Redazione The Biz Loft

La redazione di The Biz Loft coordina la produzione di approfondimenti, video e inchieste per Rfid Italia e Sbiz, Fashion 2 e 1 Minuto.

7 Commenti

  1. Gadget professionali 20 novembre 2013 di 12:04 -  Rispondi

    Ho acquistato diversi gadget indossabili dal sito di Endoacustica Europe, davvero utili e professionali!

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

  • Gioielli-intelligenti-nella-Internet-of-Things

    Gioielli intelligenti: la Internet of Things va di moda ed è preziosa (soprattutto perché torna utile)

    Gioielli intelligenti che, grazie a uno speciale sensore, indossati avvertono che è arrivata posta, sta suonando il telefono sprofondato nella borsa o un messaggio urge risposta. Nella Internet of Things la digital life e le tecnologie indossabili sono un must indissolubile: il ciondolo, il bracciale o l’anello diventano comunicanti ed è una bella cosa. La moda è effimera, capricciosa e volatile,…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…