Archivio, News dai Soci

Nuova gamma di palmari GPS da Psion e Blackroc Technology

0 4

Psion e Blackroc Technology, uno specialista di mobile computing e raccolta dati, annunciano le prime soluzioni di palmari industriali in grado di offrire funzionalità di posizionamento GPS con precisione millemetrica. Integrando il ricevitore satellitare Global Navigation Satellite System (GNSS) nel computer palmare Psion Workabout Pro 3, la soluzione Blackroc Technology Procyon può raggiungere un’accuratezza di posizione da 1 a 2 centimetri. La soluzione Procyon è stata resa possibile dalla strategia Open Source Mobility (OSM) di Psion.

La strategia OSM di Psion che si basa su tre concetti: modularità, personalizzazione e innovazione aperta, ha permesso lo sviluppo della soluzione Procyon Blackroc. Utilizzando OSM, Blackroc è riuscita a costruire su misura dei dispositivi in grado di offrire una gamma di prodotti GNSS diversi – da soluzioni a basso costo di tipo commerciale fino a soluzioni industriali altamente professionali.

“La piattaforma modulare Psion prevede strumenti di sviluppo e di supporto avanzati in grado di fornire il massimo livello di personalizzazione hardware mobile oggi disponibile sul mercato. Lavoriamo direttamente con i nostri clienti e partner per facilitare lo sviluppo di nuovi prodotti che soddisfano le esigenze specifiche dei mercati di nicchia “, ha dichiarato John Conoley, CEO di Psion. “Il risultato della nostra collaborazione con Blackroc Technology, che sta creando una serie di dispositivi GNSS altamente sofisticati, è un esempio importante di come la nostra strategia OSM sta funzionando e sta generando un forte valore aggiunto in grado di andare oltre Psion.”

GNSS è il termine generico per definire i sistemi satellitari che comprendono tutte le tecnologie globali, compreso il sistema satellitare americano GPS. Viene utilizzato in una vasta gamma di applicazioni e rappresenta un mercato in rapida crescita, dalla navigazione veicolare, alla navigazione aerea e marina, fino alla guida di macchinari di precisione, al controllo di costruzioni e al rilevamento e mappatura. Secondo una recente ricerca*, il mercato GNSS complessivo rappresenterà oltre 3 miliardi di ricevitori nel 2025, con un mercato di 1,9 miliardi di telefoni cellulari e 1,1 miliardi di dispositivi dedicati al trasporto su strada.

“Lavorando con Psion, siamo in grado di coprire l’intero fabbisogno del mercato di palmari GNSS, dai prodotti entry level con precisione di 15 metri, fino a sistemi completamente integrati alla rete in tempo reale (RTK) con un’accuratezza da 1 a 2 cm”, ha detto Tony Jephcott , CEO di Blackroc Technology.
“La gamma Procyon è la nostra risposta per quei clienti che operano in grandi imprese di costruzione e in quelle industrie che ricercano dispositivi scalabili in cui è necessaria un’accuratezza di georeferenziazione pari a 1 cm”.

La scoperta di Procyon
Tutti i dispositivi della gamma Procyon sono dotati di una telecamera a colori per scattare foto
georeferenziate. Le foto possono essere memorizzate sul device grazie alla memoria flash da
1 GB o utilizzando lo slot esterno SD per la memoria aggiuntiva. C’è anche un modem interno GSM che permette il collegamento ai servizi di correzione di rete, il trasferimento dei file dati, l’accesso Internet o e-mail. A differenza di altri dispositivi, che dispongono di tastiere virtuali, Procyon dispone anche di una vera e propria tastiera tattile per facilitare l’immissione dei dati.

Microsite di:  / 

Psion Italia

Psion è una società pionieristica nel settore dei computer palmari mobili di qualità e delle loro applicazioni nei mercati industriali in tutto il mondo. Ha innovato il mondo del mobile computing sin dal 1980, iniziando con l’invenzione del PDA e contribuendo a risolvere i problemi di business dei suoi clienti globali: Volkswagen, SNCF, RWE nPower, E.ON, BMW, Goodyear, Copenhagen Airports, BNSF e molti altri ancora.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

  • Gioielli-intelligenti-nella-Internet-of-Things

    Gioielli intelligenti: la Internet of Things va di moda ed è preziosa (soprattutto perché torna utile)

    Gioielli intelligenti che, grazie a uno speciale sensore, indossati avvertono che è arrivata posta, sta suonando il telefono sprofondato nella borsa o un messaggio urge risposta. Nella Internet of Things la digital life e le tecnologie indossabili sono un must indissolubile: il ciondolo, il bracciale o l’anello diventano comunicanti ed è una bella cosa. La moda è effimera, capricciosa e volatile,…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…