Archivio, Rfid Italia

Per Qualcomm c’è un sesto senso nella Iot (video)

1 1

Internet of Things, connessione ininterrotta e ubiqua per tutti sono una realtà aumentata per Qualcomm, che negli scorsi giorni ha presentato a sviluppatori e operatori riuniti a Istanbul, il suo concetto di “sesto senso digitale” basato su una combinazione di sensori e tecnologia mobile, ma anche di social networking. Alla platea dell’IQ2011 è stato proprio Paul Jacobs, Ceo della società, ha confermare i cospicui investimenti nella IoT, sperimentata attraverso nuovi percorsi intreattivi digitali e analogici.

“Avete certo sentito parlare di Internet of things – ha spiegato Jacobs -. Noi crediamo nell’Internet of everythings. Non solo centinaia di dispositivi connessi attorno a noi ma migliaia… Ci saranno un mare di sensori attorno a noi, e noi saremo in grado di interagire con essi tramite il nostro telefonino”.

In dettaglio sono state mostrate al pubblico un paio di anteprime che confermano la direzione dello sviluppo: un sistema Dvd/Blu-ray che può visualizzare dei trailer in modalità multipla e in streaming semplicemente scansionando con la fotocamera del telefonino la custodia del disco. Il tutto con un’interfaccia gestuale che trasforma il microfono in un sensore audio che spostandosi da una custodia all’altra fa sentire il sonoro dell’uno o dell’altro. Altro che smart packaging: qui c’è tutto un nuovo modo di fruire i contenuti digitali.

Qualcomm – Dijital Altıncı His from Teknoblog on Vimeo.

Ovviamente si tratta di una tecnologia allo stato prototipale, il cui potenziale supera di gran lunga il tempo di un videoclip. Ad esempio, sarà possibile ordinare un video online e accedere a ulteriori informazioni, ma anche condividere il filmato via Facebook, Google+ and Twitter.

La seconda demo, invece, supera le dimensioni di uno schermo touchscreen sempre utilizzando il microfono come sensore. Più o meno come nel motion capture della Kinect Microsoft, la mano che gesticola sullo smartphone diventa un joystick contactless che permette di scegliere tra un’applicazione e l’altra o di navigare tra le varie funzionalità dell’apparecchio non solo all’interno dello stesso dispositivo, ma da un dispositivo all’altro.

“Vogliamo che i contenuti digitali si possano muovere da una piattaforma all’altra – ha spiegato Craig Barrat, presidente di Qualcomm Atheros -: dal vostro telefonino alla vostra televisione a qualsiasi altro dispositivo che avete in casa o in ufficio”.

Microsite di:  / 

Redazione The Biz Loft
Redazione The Biz Loft

La redazione di The Biz Loft coordina la produzione di approfondimenti, video e inchieste per Rfid Italia e Sbiz, Fashion 2 e 1 Minuto.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • Acciaieria-siderurgia-Rfid

    Ori Martin sceglie l’Rfid. Così la siderurgia incontra l’identificazione automatica più innovativa

    Ori Martin, specialista nella produzione di acciai speciali per il settore automobilistico in particolare e per l’industria meccanica in generale, ha scelto di investire nell’Rfid per un progetto di identificazione automatica, automazione e controllo delle fasi successive alla produzione del tondo in rotoli laminato a caldo. Nell’acciaieria bresciana la tecnologia Rfid per l’identificazione automatica ha rappresentato una sfida impegnativa, superata grazie ad…

  • Servizio-wi-fi

    Un nuovo concept di servizio Wi-Fi per Gruppo Miroglio che offre un supporto omnicanale anche alla shopping experience

    Condivisione, collaboration e CRM ad alto valore aggiunto per Gruppo Miroglio che reingegnerizza il servizio Wi-Fi offrendo connessione e accesso alle informazioni a dipendenti e consumatori. Dispositivi mobili e servizi Wi-Fi diventano il braccio armato della comunicazione e del business, consentendo maggiore sicurezza e presidio anche in store. Nato nel 1947 ad Alba, in provincia di Cuneo,…

  • auto-del-futuro-Rfid

    Più sicurezza sulle strade grazie alle auto del futuro: la Internet of Things protagonista del progetto Drive C2x

    Belle, sensibili, sicure e intelligenti: le auto del futuro saranno molto più di un mezzo per gli spostamenti grazie a sensori, tag Rfid, Gprs e tecnologie da fantascienza. Gli Intelligent Trasnport System (Its) sono infatti un capitolo fondamentale delle smart city. Molti i progetti in strada. Drive C2x, ad esempio, è uno studio finanziato dall’Unione Europea per il settore automotive con…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…