Archivio, Rfid Italia

Realtà aumentata nella supply chain: a quando? (video)

1 3

Augmented reality e packaging, anzi smart packaging. Per adesso il fenomeno è assolutamente BtC, ma cosa succederà se in futuro si diffonderà nel BtB?
Al momento il trend della realtà aumentata sta diffondendosi come meccanismo di retention a base ludica utilizzata dal marketing come “captatio benevolentiae” della consumer experience.

Un caso per tutti quello di Blippar, app di cui Rfid Italia aveva già parlato a proposito di Cadbury’s che oltre alla degustazione delle sue barrette di cioccolato proponeva un giochino in Ar associato all’involucro delle merendine, previo uso di smartphone.

Adesso è il turno di Marmite, da noi poco nato ma all’estero un brand che è un prodotto: si tratta infatti di una pasta spalmabile di ricetta inglese a base di estratto di lievito ottenuto dal processo di produzione della birra, nota oltre che nel nord Europa anche in Nuova Zelanda, Australia e Svizzera. Prodotto per il retail, Marmite si spalma sui toast, sulle carni o sulle verdure lesse e viene commercializzato nei supermercati e nelle botteghe. Da oggi, per chi volesse maggiori informazioni, tablet o smartphone alla mano il pakaging viene filtrato dall’intelligenza del sistema per visualizzare informazioni e contenuti che sono molto più di una banale spiegazione.

La nuova Ar experience – ha spiegato Danielle Hayward-Bradley, assistant brand manager di Marmite – offre alla gente un’interazione più ricca. A differenza del Qr code, infatti, il livello di ingaggio è decisamente superiore. Una volta che la fotocamera ha agganciato il ranocchio Geoff, il personaggio dell’ultima campagna che abbiamo sviluppato sull’Alta Cucina, il consumatore può navigare tra tutta una serie di ricette che ruotano attorno all’uso di Marmite che possono anche essere slavate sul dispositivo palmare per essere recuparet all’uopo. La app porta dunque il suo contributo all’ispirazione in cucina”.

Quello che ha solleticato le nostre divagazioni è una sostanziale differenza nelle modalità di navigazione dell’applicazione: per Marmite in Ar appaiono dei veri e propri tasti funzione che, tramite attivazione o scorrimento, permettono di accedere ad altre pagine virtuali che offrono diversi contenuti multimediali.

Per traslato, l’interfaccia in realtà aumentata così sviluppata, potrebbe servire in futuro a chi opera nel magazzino, per sapere come imballare gli item o come procedere con l’assemblaggio delle componenti, visualizzando tramite dispositivo mobile dotato di fotocamera le procedure associate.
Banalmente, per i trasportatori potrebbe servire a capire il verso delle scatole, permettendo di vedere virtualmente il contenuto, in modo che alto e basso non siano solo parole ma occasione di una più seria riflessione nel manovrare il carico.

Potrebbe evitare alle commesse un primo controllo della merce, senza obbligarle a spulciare la bolla o ad aprire ogni singolo scatolone arrivato in negozio per poter dire alla shopper più impaziente se il suo maglione di cachemire sia arrivato o meno.
Il tutto senza l’Rfid ma semplicemente utilizzando una nuova modalità dell’augmented reality applicata alla logistica, alla distribuzione e alla produzione.

Microsite di:  / 

Laura Zanotti

Ha iniziato a lavorare nel marketing come copywriter e art director, contribuendo alla realizzazione di spot, videodocumentari e lanci di prodotto. Nei primi anni '80 ha cominciato a collaborare con le prime riviste di informatica e Telco, appassionandosi a tutti quei temi che sarebbero diventati parte integrante della nostra vita quotidiana. Diventata giornalista specializzata nell'Ict, in quasi 30 anni di attività ha intervistato centinaia di Cio, Ceo e manager, raccontando innovazioni, problemi e strategie delle imprese nazionali e multinazionali dei settori più disparati. Come copy writer e ghost writer ha collaborato e collabora con moltissime aziende, tra cui 3Com, Microsoft, Fujitsu e Hp, seguendo da vicino l'evoluzione tecnologica (Erp, Datawarehousing, Business Intelligence, Networking, Security, e-Learning, Cloud, Rfid, Mobile, Internet of Things) e del mondo Web in generale. E ancora oggi continua a farlo...

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • Gioielli-intelligenti-nella-Internet-of-Things

    Gioielli intelligenti: la Internet of Things va di moda ed è preziosa (soprattutto perché torna utile)

    Gioielli intelligenti che, grazie a uno speciale sensore, indossati avvertono che è arrivata posta, sta suonando il telefono sprofondato nella borsa o un messaggio urge risposta. Nella Internet of Things la digital life e le tecnologie indossabili diventano un must indissolubile: il ciondolo, il bracciale o l’anello diventano comunicanti ed è una bella cosa. La moda è effimera, capricciosa e…

  • sistemi antitaccheggio - simply sceglie nedap

    Simply rinnova i suoi sistemi antitaccheggio. Il risultato? Operazioni ottimizzate, costi ridotti e clienti soddisfatti

    I supermercati Simply hanno investito ultimamente in una rivisitazione del proprio format commerciale: l’obiettivo è quello di offrire ai clienti punti vendita più moderni e funzionali per migliorare l’esperienza d’acquisto. Tra gli aspetti ottimizzati c’è quello relativo ai sistemi antitaccheggio: la questione della sicurezza è infatti uno dei punti centrali nella gestione di un supermercato…

  • Mercedes-Benz Future Truck 2025 - rivoluzione per trasporti e logistica

    Big Data, Wi-fi, sensori e telecamere: una rivoluzione per trasporti e logistica. Il caso Mercedes-Benz Future Truck 2025

    Guidare un camion con un tablet, stando comodamente seduti sul divano: in arrivo sulle strade europee Mercedes-Benz Future Truck 2025, un tir che grazie a innovative soluzioni di assistenza alla guida e al sistema Highway Pilot promette di rivoluzionare trasporti e logistica, ridurre il consumo di carburante, abbassare le emissioni per una maggiore sostenibilità e ottimizzare i tempi di percorrenza….

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…