Guide, Social Media

Registrare un marchio nell’era di Internet. Come fare? Quanto costa? Ne vale la pena?

2 1098

Alla fine degli anni Settanta un ricercatore dell’azienda chimica americana 3M inventò un oggetto che sembrava avere un buon potenziale di mercato: un bigliettino con una colla speciale su un lato, che si poteva appiccicare e staccare più volte senza che la colla perdesse la sua efficacia. La 3M avviò in pochi anni la commercializzazione di questo nuovo prodotto che venne chiamato Post-It e che oggi è usato virtualmente in ogni ufficio del mondo. Cosa sarebbe successo se la 3M non avesse deciso di registrare un marchio per quell’invenzione? Facile: decine, centinaia e poi migliaia di altre aziende avrebbero copiato l’idea, dapprima guadagnandoci e poi, probabilmente, rovinando il mercato con prodotti simili di qualità e prezzo sempre inferiori.

registrare-un-marchio-post-it

Il progetto originale del marchio depositato da 3M per il Post-It


Ma ci sono situazioni in cui l’opportunità di registrare un marchio è meno evidente. Ha senso farlo per un blogger che ha già un dominio Internet? O per un un artigiano che ha inventato una nuova sedia, ma che sa già che la venderà ai negozi della sua zona in poche decine di esemplari? Per rispondere bisogna fare un passo indietro, andando alla radice del concetto di marchio e alla sua utilità.

A cosa serve registrare un marchio?

Registrare un marchio significa appropriarsi di un segno (di solito una dicitura ma anche un’immagine o un simbolo o altro ancora) che serve per portare agli occhi del pubblico alcune connotazioni di qualità nel campo in cui opera chi lo usa. Da questo punto di vista, funziona come collettore di affidamento o di prestigio presso il pubblico, che sarà tanto più determinato a sceglierlo quanto più il marchio sarà identificato come garanzia di affidabilità, qualità, sicurezza dell’investimento, piccolo o grande che sia.

Il marchio acquista valore nel tempo e rappresenta un investimento per l’organizzazione che decide di utilizzarlo, sia per la sua creazione che per l’iniezione di qualità positive sullo stesso. È per questo che la tutela giuridica del marchio ha fondamentale importanza, specialmente nella società attuale dove la comunicazione regna sovrana e dove le aziende hanno dimensioni sempre più grandi, mentre lo spazio di manovra dell’artigiano, basato sulla fiducia, è sempre minore. È chiaro che all’organizzazione che decide di registrare un marchio deve essere, quando possibile, riconosciuto il diritto di utilizzarlo in esclusiva, privando gli altri della possibilità di farlo, altrimenti verrebbe vanificato il suo investimento e perderebbe anche di valore il marchio stesso.

Prima ancora dell’azione di registrare un marchio, la fase più importante della tutela è il momento in cui viene creato. Il marchio, infatti, può essere debole o forte a seconda dell’originalità della dicitura, del disegno o del segno da cui è costituito. Nessuno potrebbe mai registrare un marchio usando un termine di uso comune, come acqua, dal momento che nessuna organizzazione può privare le persone di parti del linguaggio. Viceversa, un registrare un marchio basato su un termine completamente inventato che non corrisponde a nessun lemma precedentemente esistente è originale e un’azione forte. Per esempio, un’azienda che si occupa di depurazione di acqua potrebbe chiamarsi (l’esempio è naturalmente di scuola) “bestest-water4U”, combinando in un gioco di parole lettere e numeri. Le combinazioni sono infinite: ma più il nome che si conia si discosta dall’esistente, più il marchio sarà forte e inattaccabile.

A chi chiedere aiuto per registrare un marchio?

Per tutelare il proprio marchio è fondamentale tutelarlo sin dal momento della sua nascita, facendosi aiutare, se possibile, da un’agenzia pubblicitaria o un legale in grado sia di verificare l’esistenza di eventuali marchi simili sia di esprimere un giudizio di tipo legale (e non comunicativo e pubblicitario) sulla sua originalità. Una volta creato un marchio sufficientemente forte, e quindi originale, naturalmente la registrazione può essere molto utile, per conferire certezza sulla priorità di un determinato uso di quello stesso marchio.

Grazie a una norma chiamata peruso, la legge italiana tutela anche i marchi che non vengono registrati. Chi lo ha sempre utilizzato in un certo modo, e può dimostrarlo, potrà continuare ad usarlo nello stesso modo, anche se non potrà impedire che altri lo registrino e lo usino per altri prodotti o servizi, cosa che, specialmente in certi ambiti commerciali, non è certo fantastica, dal momento che si potrebbe ingenerare confusione nei consumatori, tanto più dannosa se i prodotti e servizi del nuovo utilizzatore sono di qualità scadente.

registrare-un-marchio-o-un-dominio

E se invece si registra solo il dominio su Internet

Una forma particolare di preuso è sicuramente la registrazione di un dominio internet, che rispetto a registrare un marchio costa pochissimo (a volte meno di dieci euro l’anno) e come tale consente già di costituirsi un diritto all’uso della relativa dicitura, salvo sempre che non ci sia un altro preuso anteriore. Se per esempio, invece di registrare un marchio, una persona registra il dominio “bestest-water4U”, mentre un altro in seguito registra lo stesso marchio, la prima persona può continuare a utilizzare il suo dominio, in quanto oggetto di preuso.

Riassumendo quindi la registrazione non garantisce necessariamente il diritto all’uso esclusivo del marchio, che deve essere anche un marchio forte, ma, una volta che si è forgiato un marchio col il giusto grado di originalità è solitamente meglio procedere anche alla registrazione per non perdere parti importanti, e ambiti, di uso del marchio, che potrebbero danneggiare il titolare.

Il gioco vale la candela?

La registrazione di un marchio non è un’attività a buon mercato. Per i marchi validi solo in Italia si parte da circa 500 euro per il solo nome (che diventano circa mille se si registra anche il simbolo): somme che crescono anche notevolmente in base al numero di classi aggiuntive, a cui bisogna aggiungere qualche centinaia di euro per le spese di consulenza. Per registrare un marchio europeo si parte da circa 2 mila euro (comprese le spese di consulenza). I costi crescono ancora nel caso si voglia tutelare il marchio anche al di fuori dell’Unione Europea.
È quindi importante valutare con precisione il vantaggio derivante dalla registrazione, facendo la comparazione tra i costi dell’operazione e l’uso che si intende fare di questo marchio. Solo voi che leggete potete sapere se la spesa è giustificata. Se state lanciando un prodotto facilmente copiabile, che non è legato strettamente alla vostra persona e da cui vi aspettata di guadagnare molto, la registrazione del marchio sarà probabilmente conveniente. Se invece il vostro nome riguarda un progetto amatoriale, o molto difficile da replicare, oppure ancora da cui vi aspettate un guadagno limitato, probabilmente registrare il marchio, soprattutto se a livello internazionale, non è giustificato.

Pubblicato da Il .

Microsite di:  / 

Tiziano Solignani

2 Commenti

  1. Silvia 11 ottobre 2012 di 16:44 -  Rispondi

    Il deposito di una domanda di registrazione per marchio si effettua presso l’UIBM o presso le Camere di Commercio. Per registrare un marchio, l’intervento di un mandatario, anche se non obbligatorio, è sempre molto utile, perché è in grado di verificare ed analizzare con professionalità, attraverso una c.d. ricerca di anteriorità, la disponibilità all’uso e/o alla registrazione del marchio di vostro interesse. 

    • Paolo Conti 11 ottobre 2012 di 17:38 -  Rispondi

      Nota a margine del commento: grazie per le informazioni: abbiamo omesso il secondo capoverso per via della policy di The Biz Loft, che impedisce di effettuare campagne pubblicitarie indirette utilizzando lo strumento commenti.
      pc

Le Top5 di Ethan Ferrario

  • pesce d'aprile-il-male

    Pesce d’Aprile. I più divertenti di sempre nell’era di Internet (aggiornato a stasera!)

    Pesce d’Aprile! Bello poterlo dire gongolando il giorno dopo… Ma quant’è difficile riuscirci? Mi spiego. Se sei un bambino e vuoi stupire i genitori non c’è problema, tanto fingono. Ma se sei uno scienziato tipo Premio Nobel, una multinazionale o un quotidiano letto da milioni di persone, azzeccare un buon pesce d’aprile senza farsi tanare all’istante…

  • App per iPad Air per disegnare

    App per iPad Air: le migliori del 2014 per appunti al volo e disegnare a mano libera

    App per ipad Air: ecco le migliori per scrivere a mano, prendere note o appunti o disegnare con la penna (c’è chi la chiama stilo, ma comunque di quello parliamo…). Le 5 tavolozze digitali più efficaci del 2014. È stupefacente vedere quanti passi in avanti hanno fatto gli sviluppatori in questo segmento di mercato e…

  • Cover iPad Air. Le più belle per Natale

    Cover iPad Air: Le nuove custodie (e le più belle cover), anche per il “vecchio” iPad 2 Agg. 2014

    Cover iPad Air. Una ricerca schizzata alle stelle. E non a caso. Dopo il lancio in grande stile del mese scorso e il nuovo iOs, il sottilissimo, e potentissimo iPad Air ha polverizzato l’iPad 2 e, siccome il nuovo modello è molto più sottile di quello precedente, tutti i nuovi ipoaddiani sono alla ricerca ella…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…

  • tendenze di mercato - il retail del futuro

    Le tendenze di mercato 2014 nel settore retail in 10 previsioni: lo shopping è destinato a cambiare (completamente)

    Il retail è un’industria incredibilmente dinamica. E, grazie all’avvento delle nuove tecnologie, in futuro assisteremo a cambiamenti sempre più frequenti nelle tendenze di mercato. Vediamo quali sono i 10 punti chiave delle tendenze di mercato che rivoluzioneranno il nostro modo di fare shopping in futuro. #1 Le aziende ci leggono (quasi) nel pensiero Grazie alle nuove…

  • Grazie alla tecnologia Bluetooth Low Energy di iBeacon torneremo a comprare in negozio e diremo addio allo showrooming

    Usare iBeacon: come e perché, grazie alla tecnologia Bluetooth Low Energy, torneremo a comprare in negozio

    Perché usare iBeacon? Sono in molti a chiederselo. La tecnologia è nuova e, come tale, tutta da esplorare. Tutti ne parlano come la nuova strada alternativa  all’Nfc di Apple ma  iBeacon  è solo la variante Apple di Beacon, tecnologia che sfrutta la tecnologia Bluetooth Low Energy standard 4.0. In pratica si usa il Bluetooth contenuto…