All News, Rfid Italia, Ricerca

Smart city? Telecom e il Politecnico di Torino ci lavorano insieme, nel Joint Open Lab

0 9

Smart city significa tante cose ma, in estrema sintesi, vuol dire usare la tecnologia (Rfid, sensori, dispositivi mobili, attuatori &Co) per vivere in modo più intelligente i luoghi dove nasciamo, cresciamo, lavoriamo, transitiamo, ci divertiamo… Gli attori coinvolti in questo tipo di progetti sono diversi: enti pubblici e privati, aziende tecnologiche, provider, associazioni.

smart-city

Che Telecom Italia e il Politecnico di Torino abbiano deciso di fare sinergia dando vita a un laboratorio dedicato alle smart city è quindi uno degli esempi virtuosi di un nuovo percorso. Il centro in questione si chiama Joint Open Lab e tra i suoi obiettivi principali ha la condivisione di conoscenza, la ricerca in innovazione tecnologica e lo sviluppo di applicazioni per le città interattive.

Joint Open Lab progetta smart city secondo un approccio crossmediale

Nel termine interazione c’è la chiave dello sviluppo legato alle smart city. Il laboratorio trova il suo spazio nella cittadella universitaria del capoluogo piemontese. I progetti spazieranno dalle soluzioni più nuove legate al Machine to Machine (M2M) alla realizzazione di sistemi di imagine recognition, di visual communication, di augmented reality, con uno spazio legato anche all’interazione con i social media. Perché le smart city sono sempre più aree di interazione digitale e fisica tra le persone e si realizzano attraverso la definizione di servizi capaci di rispondere su più livelli multimediali e più piani di ascolto. Insomma anche le smart city richiedono tecnologie ma anche una certa digital strategy.

“Telecom Italia ha deciso di investire con convinzione sulla ricerca universitaria e sull’alta formazione – ha spiegato Cesare Sironi, Responsabile Innovazione & Industry Relations di Telecom Italia – rivolgendosi ai più prestigiosi istituti universitari italiani, tra i quali il Politecnico di Torino con cui abbiamo un rapporto consolidato. Questa iniziativa si pone l’obiettivo di sviluppare un nuovo modello di didattica e di ricerca che abbia ricadute positive e immediate sul mondo industriale”.

In dettaglio, la ricerca verterà su una maggiore capacità di interagire con la rete da parte delle crescenti quantità di dispositivi consumer and business: verrano realizzate applicazioni per il riconoscimenti visuale delle immagini, applicazioni per la visual communication, servizi di interazione su piattaforme social (social media e social reading) nonché tutte le prossime tecnologie finalizzate alla realizzazione di spazi urbani intelligenti. Il lab mira a realizzare soluzioni concrete a supporto di turismo, infomobilità, valorizzazione beni culturali, ambiente, sostenibilità, trasporti, traffico, Pubblica Amministrazione digitale, sanità. Il tutto sfruttando le reti a larghissima banda, l’ultrabroadband fisso e mobile, le tecnologie cloud, l’Nfc. L’accordo, di durata triennale, è stato siglato qualche giorno fa dal rettore Marco Gilli e dal responsabile Innovazione & Industry Relations di Telecom Italia, Cesare Sironi, durante la cerimonia d’inaugurazione dell’anno accademico 2012-2013 e include il finanziamento di 15 borse di studio per dottorati di ricerca, l’attivazione di contratti di apprendistato per l’alta formazione rivolti ai laureandi, 5 edizioni di un master sull’innovazione di reti e servizi nel settore ICT, oltre alla partecipazione a bandi di finanziamento per numerosi progetti nazionali e internazionali.

“Ecco perché stiamo convergendo verso questo nuovo modello di ricerca che chiamiamo knowledge sharing che si basa sulla complementarietà delle competenze – ha spiegato Gilli – L’accordo con Telecom Italia si inserisce perfettamente in questa logica e siamo certi che i risultati non si faranno attendere, il valore aggiunto del partenariato si potrà spendere nella partecipazione congiunta ai bandi anche europei per l’accesso ai finanziamenti alla ricerca”.

Il Joint Open Lab, infatti, è un’iniziativa che vede lo stesso modello adottato anche da altri atenei come il Politecnico di Milano, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, l’Università di Catania e il Politecnico di Bari.

Microsite di:  / 

Redazione The Biz Loft
Redazione The Biz Loft

La redazione di The Biz Loft coordina la produzione di approfondimenti, video e inchieste per Rfid Italia e Sbiz, Fashion 2 e 1 Minuto.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

  • Gioielli-intelligenti-nella-Internet-of-Things

    Gioielli intelligenti: la Internet of Things va di moda ed è preziosa (soprattutto perché torna utile)

    Gioielli intelligenti che, grazie a uno speciale sensore, indossati avvertono che è arrivata posta, sta suonando il telefono sprofondato nella borsa o un messaggio urge risposta. Nella Internet of Things la digital life e le tecnologie indossabili sono un must indissolubile: il ciondolo, il bracciale o l’anello diventano comunicanti ed è una bella cosa. La moda è effimera, capricciosa e volatile,…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…