All News, Social Media

Analizzare la demografia dei social media (mettendo in conto qualche sorpresa) è il primo segreto per un social marketing di successo

26 26

Ogni piattaforma di social media ha coltivato una propria identità grazie alle caratteristiche demografiche delle persone che fanno parte di quella specifica rete. E chi si occupa di social marketing deve monitorare con attenzione la popolazione tipica di ogni network online.la demografia dei social network svela delle soprese per il social marketing

Qualche esempio? Alcuni social sono preferiti dai giovani adulti, che risultano essere più attivi la sera, altre vengono predilette dai professionisti ad alto reddito, che postano i loro pensieri lungo tutta la giornata lavorativa. Per fare centro nel cuore del proprio target di riferimento, occorre conoscerne le abitudini online e concentrare i propri sforzi in base a questo andamento.

Il social marketing deve sapere a chi parlare

Le ultime analisi in ambito di social marketing sembrano dimostrare che i brand e le aziende hanno bisogno di strategie di business orientale a specifiche piattaforme, piuttosto che puntare su una presenza online diluita contemporaneamente su più fronti. Alla luce di questi fatti, Bi Intelligence ha realizzato un report che, analizzando le caratteristiche demografiche di ogni social media, mira ad aiutare marchi e aziende a scegliere la rete più adatta al proprio business su cui concentrare gli sforzi per le attività di social marketing. Ebbene, da questo studio è uscita fuori qualche sorpresa. Qualche esempio di dati inaspettati? Ecco i 6 punti meno prevedibili:

#1 Facebook piace ancora molto ai giovani, ma gli utenti compresi tra i 45 e i 54 anni sono aumentati del 45% dalla fine 2012 a oggi. Tra gli utenti Internet americani, inoltre, il network di Zuckerberg viene utilizzato dal 73% di coloro i quali hanno un reddito superiore a 75mila dollari. Su Twitter approda solo il 17%. della popolazione statunitense online con la stessa fascia di reddito. Non solo: circa l’86% degli utenti di Facebook sono al di fuori degli Stati Uniti (ovvero il Paese dove il social è stato creato!).

#2 Instagram si tinge sempre più di rosa: ben il 68% dei suoi utenti sono donne.

#3 Twitter è nato come social network di nicchia, perfino un po’ radical chic rispetto al suo concorrente di Palo Alto, ma oggi presenta una popolazione di utenti sorprendentemente giovane: il 27% degli americani tra i 18 e i 29 anni usa Twitter, rispetto al 16% delle persone tra i 30 e i 40 anni. Cari professionisti del social marketing, se il vostro brand vuole puntare sui millennials, dovrete imparare a cinguettare.

#4 Google+, tra i principali network online, è quello a più alto tasso testosteronico: addirittura il 70% di tutti gli utenti è di sesso maschile.

#5 Pinterest? È la terra di dominio degli utenti tablet muniti. Utenti per lo più di sesso femminile: stando ai dati Nielsen l’84% di chi pinna e re-pinna sono donne.

#6 Tumblr va forte tra gli adolescenti e i giovani adulti alla ricerca di una propria vetrina per esprimersi online, ma lo usa soltanto l’8% degli utenti Internet americani con un reddito superiore ai 75mila dollari.

social marketing -  i dati della ricerca di Bi Intelligence

Microsite di:  / 

Redazione The Biz Loft
Redazione The Biz Loft

La redazione di The Biz Loft coordina la produzione di approfondimenti, video e inchieste per Rfid Italia e Sbiz, Fashion 2 e 1 Minuto.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

  • Gioielli-intelligenti-nella-Internet-of-Things

    Gioielli intelligenti: la Internet of Things va di moda ed è preziosa (soprattutto perché torna utile)

    Gioielli intelligenti che, grazie a uno speciale sensore, indossati avvertono che è arrivata posta, sta suonando il telefono sprofondato nella borsa o un messaggio urge risposta. Nella Internet of Things la digital life e le tecnologie indossabili sono un must indissolubile: il ciondolo, il bracciale o l’anello diventano comunicanti ed è una bella cosa. La moda è effimera, capricciosa e volatile,…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…