All News, Social Media

Social media: sappiate che i consumatori li usano, ma non li conoscono così bene

1 22

Che il marketing abbia affondato la testa nei social media per capire meglio chi siano e cosa vogliano i consumatori è un’ottima cosa. Ma ci sono alcuni miti da sfatare. Per esempio non dare per scontato che la maggior parte dei consumatori conosca in dettaglio il funzionamento dei social media e dei motori di ricerca.

social-media-studio

I dati rivelati da uno studio che analizza il comportamento dei consumatori (lo sapevate che sono gli utenti single a usare più lo smartphone mentre il tablet è maggiormente usato dagli utenti sposati?) e la loro conoscenza intorno a social media e motori di ricerca è stato condotto da Harris Interactive per conto di Search Agency. I numeri raccontano di come circa il 70% degli adulti online sappia come usare i post sulla bacheca di Facebook (social media per antonomasia), ma solo il 54% di loro sia a conoscenza di come Facebook generi il suo fatturato, ad esempio. Di per sé la cosa può non sembrare così interessante. Invece lo è perché capire meglio il meccanismo produrrebbe maggiore ingaggio e un maggiore tasso di conversione dei consumatori. Il sottile meccanismo di fidelizzazione e di fiducia (non sono proprio sinonimi) che può legare un utente alla credibilità di un motore di ricerca o di un social network, infatti, passa anche dalla comprensione della sua ragione economica. E non dare per scontato che chi è sui social sia anche capace di gestire le modalià di interazione è importante per capire i feed back di certe iniziative.
In dettaglio sono gli uomini, rispetto alle donne, a dimostrare una maggiore comprensione delle strategie di monetizzazione di Facebook (57% contro 51%). E del social media più veloce di Beep Beep è il 37% dei maschi on line a conoscere la lunghezza dei caratteri di un tweet, rispetto al 27% del  pubblico femminile. Quando si tratta di Pinterest, invece, sono le donne a battere gli uomini su come si faccia un pin online: il 48% contro 42%.

social-media-device

Come generino il loro fatturato i social media pochi lo sanno

Alla domanda “secondo voi come i motori di ricerca si guodagnano gli utili quasi il 29% degli intervistati ritiene che i brand paghino una quota annuale di utilizzo, mentre il 20% crede che i soldi vengano dagli utenti che scelgono una modalità di ricerca Premium. Più di un terzo degli adulti online statunitensi pensa che i motori di ricerca vendano i dati personali degli utenti a società di marketing.
Circa il 22% del campione clicca gli annunci a pagamento, ma i risultati mostrano variazioni comportamentali da regione a regione e in base alle diverse età: il 29% nel sud, il 20% nel nord-est, il 19% nell’ovest e il 17% nel Midwest. Circa il 30% del pubblico americano sui social media in età compresa tra i 18 e i 34 anni clicca sugli annunci dei motori di ricerca, mentre cala al 18% per gli over 35. Poco più di tre quarti della popolazione online degli Stati Uniti si rende conto che la pubblicità sia una fonte di reddito per i motori di ricerca.

social-media-fruizione

Fruizione mobile: smartphone vs tablet

La ricerca è interessante anche perché mette i evidenza quali sono i dispositivi di accesso alle informazioni utilizzate maggiormente dai consumatori. Ad esempio gli analisti hanno evidenziato come la maggior parte delle persone (59%) preferisca lo smartphone anche quando ha un computer a portata di mano. Percentuale che tra i giovani è ancora di più significativa (74% tra i 18-34).

social-media-e-commerce

Anche questi numeri aiuteranno il marketing a creare strategie migliori per interagire con i clienti esistenti e potenziali che vivono sui social media? Sicuramente sì.

Microsite di:  / 

Redazione The Biz Loft
Redazione The Biz Loft

La redazione di The Biz Loft coordina la produzione di approfondimenti, video e inchieste per Rfid Italia e Sbiz, Fashion 2 e 1 Minuto.

1 Commento

Rispondi

Le Top5 Il meglio, a confronto

  • pesce d'aprile-il-male

    Pesce d’Aprile. I più divertenti di sempre nell’era di Internet (aggiornato a stasera!)

    Pesce d’Aprile! Bello poterlo dire gongolando il giorno dopo… Ma quant’è difficile riuscirci? Mi spiego. Se sei un bambino e vuoi stupire i genitori non c’è problema, tanto fingono. Ma se sei uno scienziato tipo Premio Nobel, una multinazionale o un quotidiano letto da milioni di persone, azzeccare un buon pesce d’aprile senza farsi tanare all’istante…

  • App per iPad Air per disegnare

    App per iPad Air: le migliori del 2014 per appunti al volo e disegnare a mano libera

    App per ipad Air: ecco le migliori per scrivere a mano, prendere note o appunti o disegnare con la penna (c’è chi la chiama stilo, ma comunque di quello parliamo…). Le 5 tavolozze digitali più efficaci del 2014. È stupefacente vedere quanti passi in avanti hanno fatto gli sviluppatori in questo segmento di mercato e…

  • Cover iPad Air. Le più belle per Natale

    Cover iPad Air: Le nuove custodie (e le più belle cover), anche per il “vecchio” iPad 2 Agg. 2014

    Cover iPad Air. Una ricerca schizzata alle stelle. E non a caso. Dopo il lancio in grande stile del mese scorso e il nuovo iOs, il sottilissimo, e potentissimo iPad Air ha polverizzato l’iPad 2 e, siccome il nuovo modello è molto più sottile di quello precedente, tutti i nuovi ipoaddiani sono alla ricerca ella…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…

  • tendenze di mercato - il retail del futuro

    Le tendenze di mercato 2014 nel settore retail in 10 previsioni: lo shopping è destinato a cambiare (completamente)

    Il retail è un’industria incredibilmente dinamica. E, grazie all’avvento delle nuove tecnologie, in futuro assisteremo a cambiamenti sempre più frequenti nelle tendenze di mercato. Vediamo quali sono i 10 punti chiave delle tendenze di mercato che rivoluzioneranno il nostro modo di fare shopping in futuro. #1 Le aziende ci leggono (quasi) nel pensiero Grazie alle nuove…