Social Media

Social media manager: meglio assumere un giovane dipendente, affidarsi a un’agenzia, o fare tutto in casa?

0 213

Quante aziende italiane usano i social network in modo strategico? Dati ancora non ce ne sono, ma sono senza dubbio una piccola minoranza. E quante potrebbero trarre vantaggio dal farlo? La risposta è facile: quasi tutte. I social network sono diventati a tutti gli effetti uno strumento di marketing. Ma (chi ci ha provato lo sa bene) gestire con intelligenza una rete di social network è un lavoro a tempo pieno e chi prova a fare tutto da solo è destinato il più delle volte a delusioni cocenti. Ecco perché da qualche a tempo a questa parte i siti di recruiting di aziende che vogliono assumere un social media manager. Obiettivo? Assoldare un esperto (a molti piace dire guru) che gestisca la presenza online di un’azienda e, forte di una conoscenza tecnica dei mille social sul mercato, sia capace di dialogare tanto con i clienti acquisiti che con i prospect, per (questo è, sempre e comunque, l’obiettivo ultimo) generare business.

Per non parlare del fatto che ormai la presenza online di un’azienda vale almeno quanto uno spot in TV. Se gli account appaiono abbandonati a se stessi, senza un social media manager che si occupi di loro, è molto probabile che il consumatore finale percepisca una mancanza di impegno da parte dell’impresa, perdendo interesse nei confronti suoi e dei suoi prodotti.

Detto ciò, la domanda è: come si trova un social media manager????????

Promuovere a social media manager un dipendente smanettone

social-network-manager-assumerePrimo caso. Molte aziende, spesso per risparmiare, affidano i social network a un impiegato (spesso giovane) che già lavora nel web o nel marketing. L’operazione consente di contenere i costi e d’investire al minimo in formazione, poiché si sfrutta a proprio vantaggio la presenza pregressa della persona in azienda. Aumento? Di solito no, visto che diventare il social media manager è “figo” e fa curriculum.
Altri preferiscono allocare un budget. È in questo caso le strade sono 3: mettere un annuncio, rivolgersi a una media agency o fare sinergia (cioè non investire in un social media manager e ricorrere a una via di mezzo fra risorse interne ed esterne).

Assumere un guru

assumere-un-social-media-managerNel secondo caso i fattori in gioco sono il budget e la fortuna. Un social media manager costa a un’azienda circa 300 euro al mese se collaboratore occasionale. Ma il costo aziendale può crescere fino a 2.500 euro al mese per un professionista con contratto a progetto. La retribuzione, oltre che dall’inquadramento, dipende dall’esperienza accumulata, dallo standing del soggetto e dalla quantità di lavoro che si decide di affidargli. Trovare il candidato giusto, preparato e motivato, è probabilmente la cosa migliore che possa capitare a un’azienda. Ma non è facile. Basta trascorrere un’ora a sfogliare profili su Linkedin per scoprire che una percentuale alta (troppo alta) di giovani laureati in comunicazione aggiunge “social media” fra i propri skill, magari solo perché ha 200 amici su Facebook e una manciate di follower su Twitter. I guru dei social ci sono. Ma costano cari e sono molto corteggiati, perché, si sa, su Internet le covi corrono veloci.

Pagare un’agenzia e non pensarci più, anche se…

agenzia-social-media managerNel terzo caso, quello in cui invece di assumere un social media manager si decida di rivolgersi ad un’agenzia è necessario vagliare molte proposte, perché da qualche anno a questa parte il 90% delle agenzie di pubblicità e comunicazione si sono trasformate “magicamente” in specialisti in social media. Possibile che lo siano proprio tutte? Le social agency italiane offrono diversi pacchetti: aumento Like sulle pagine Facebook, incremento follower su Twitter, creazione di buzz in Rete e tanti altri servizi collegati, non ultima la progettazione ex-novo degli account e la realizzazione di App (che di solito fanno fare all’esterno).
I prezzi variano da qualche migliaia di euro per un’attività base a svariate decine di migliaia di euro per l’intero bottino. I prezzi sono modellati sul numero di fan da raggiungere, la quotazione massima è di 1,5 euro a Like e qualcosina in meno per un follow. Tuttavia bisogna considerare diverse varianti come la creatività, che spesso non è compresa nel prezzo, e la consulenza alla fine del servizio. Insomma, è necessario valutare quanto convenga coinvolgere un team di esperti se poi dobbiamo preventivare investimenti aggiuntivi sulla parte grafica e un ritorno a brancolare nel buio, una volta raggiunto l’obiettivo per cui si è pagato. Su questo versante, un unico (fondamentale) consiglio: vagliate con attenzione i progetti che l’agenzia in questione ha gestito in passato ed esigete di conoscere i risultati. Confrontate l’offerta con chi offre servizi simili e, insomma, metteteli in concorrenza fra loro.

Microsite di:  / 

Serena Gallucci

Una passione poliglotta formalizzata in una laurea e poi Junior Editor e Social Network Specialist di The Biz Loft. Oggi è Project Team Leader per Jobrapido ma la sua curiosità e la sua competenza nelle tecnologie più di frontiera la confermano uno dei più preziosi contributor di The Biz Loft.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • vending-machine-biometria

    Vending machine smart per Coca Cola, che sperimenta un’interazione 2.0

    Sensori e realtà aumentata integrate nelle vending machine che diventano smart, riconoscendo le nostre emozioni più nascoste per offrire ai consumatori un’esperienza interattiva al gusto di… coca (Cola). Il marketing scopre il real-time advertising nei distributori automatici più intelligenti. In questo case study l’ingaggio australiano punta all’innovazione più tecnologica, fondendo digital signage interattivo e product experience in…

  • scuola-gestione-mense-Rfid

    A scuola con i badge NFC: servizi scolastici più veloci ed efficienti nell’era delle smart city

    Tecnologia contactless e pagamenti elettronici anche a scuola, per la prenotazione dei servizi di mensa fatta direttamente da ogni bambino grazie all’Rfid, anzi, più precisamente grazie a un badge Nfc. Succede ad Agliè, comune del Piemonte che per l’anno scolastico 2014/2015 ha introdotto un sistema innovativo di tessere prepagate che, grazie a una card personale, all’ingresso della scuola…

  • Come cambia la gestione della produzione con IoT, Big Data e cloud: 4 punti fondamentali

    L’impatto di IoT, Big Data e cloud sulla gestione della produzione. L’informazione diventa …customer centrica

    Internet of Things, Big Data e cloud stanno portando cambiamenti significativi nella gestione della produzione industriale. L’informatizzazione supporta il business ma la IoT cambia le priorità degli IT manager. Smart city, domotica, smart object, auto intelligenti e sensorizzate, applicazioni Rfid o Nfc, sistemi M2M: l’Internet delle Cose nel prossimo futuro ci farà entrare in un’era ultra connessa,…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • Come cambia la gestione della produzione con IoT, Big Data e cloud: 4 punti fondamentali

    L’impatto di IoT, Big Data e cloud sulla gestione della produzione. L’informazione diventa …customer centrica

    Internet of Things, Big Data e cloud stanno portando cambiamenti significativi nella gestione della produzione industriale. L’informatizzazione supporta il business ma la IoT cambia le priorità degli IT manager. Smart city, domotica, smart object, auto intelligenti e sensorizzate, applicazioni Rfid o Nfc, sistemi M2M: l’Internet delle Cose nel prossimo futuro ci farà entrare in un’era ultra connessa,…

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…