All News, Guide, Social Media

Social network: perché agli imprenditori piacciono così poco (mentre ne avrebbero così bisogno)

8 9

Guidano fior di imprese, ogni giorno compiono scelte difficili e coraggiose, eppure di fronte ai social network sono rimasti attoniti. Stiamo parlando dei Ceo. Quei chief executive officer che non si fermano (quasi) mai e che con i social network hanno subito più o meno tutti una battuta di arresto. Rimasti al palo, a metà strada tra lo scetticismo e l’incomprensione totale. La lingua di Facebook, di Twitter o di Pinterest (parlata ormai da mezzo mondo) gli risulta assolutamente incomprensibile.

social-network

Linkedin così così, twitter pochino, Facebook mica tanto

I Ceo sono increduli e non riescono a capacitarsi del boom di un mondo digitale in cui tutti non vedono l’ora di andare per chiacchierare e parlare del più e del meno. Le community dei social network sono viste come mondi alieni. Altri, più tranchant, ritengono i social network una perdita di tempo. Secondo una ricerca Ibm, solo 1 su 1700 dei Ceo intervistati ha un blog e solo il 16% del panel ha a che fare coi social network. Ma con delle percentuali estremamente ridotte: qualcuno è su Linkedin, pochi su Twitter, mentre su Facebook, Google + e similari latitano. Eppure, secondo uno studio di Forrester, nel 2012 almeno il 49% delle aziende avrebbe dovuto investire nei social network e nella collaboration. Tecnicamente, tutti i numeri confermano che da qui ai prossimi 5 anni la metà dei consumatori si potrà ingaggiare attraverso i social network. Ma i Ceo stanno a guardare.

Una questione di knowledge management (e di business intelligence)

La domanda fondamentale è: perché aspettare  5 anni per capire cosa fare? La logica della relazione è piuttosto chiara: Internet ha cambiato il business, i social network sono parte integrante della nostra vita in Rete, i social network cambiano il business. I Ceo che dicono di non aver tempo per i social network si sbagliano: stanno perdendo una grande occasione per ascoltare i propri clienti mentre parlano di sé stessi e degli altri, dei loro bisogni e delle loro speranze, delle loro esperienze e delle loro idee.
Se questo non basta proviamo ad ampliare la prospettiva: una volta la chiacchiera nei corridoi aziendali o davanti al caffé si chiamava conoscenza implicita. Chi si occupava di gestire la conoscenza aziendale, anelava a intercettare tutte quelle voci, quelle idee e quelle opinioni. Oggi tutto questo è possibile attraverso i social network. Perché dipendenti e operatori, fornitori e clienti stanno, ognuno a modo suo, su qualche social network. Ecco perché le aziende più grosse e lungimiranti stanno quadrando il cerchio, mescolando collaboration e social media per farle convergere in un’unica piattaforma all’insegna della condivisione e del crowdsourcing 2.0.

Business dei social network o social network del business?

Ma non sono solo i Ceo a dover capire che un’azienda oggi non può più ignorare i social network. Chiunque all’interno di un’impresa dovrebbe sentirsi committato e vivere i social come un modo per scoprire cosa sta succedendo alla propria organizzazione, cosa sta succedendo in città, cosa sta succedendo nel proprio Paese, cosa succede nel mondo. Globalizzazione e Internet hanno nei social network  un bacino di conoscenza preziosa, che va gestita. Possiamo parlare di Big Data all’inifinito, ma se non impariamo che il knowledge management oggi passa dai social network perderemo un’occasione preziosa di fare business in un mondo migliore, più collaborativo e partecipativo. Cari Ceo, anche questa è business intelligence.

 

Microsite di:  / 

Laura Zanotti

Ha iniziato a lavorare nel marketing come copywriter e art director, contribuendo alla realizzazione di spot, videodocumentari e lanci di prodotto. Nei primi anni '80 ha cominciato a collaborare con le prime riviste di informatica e Telco, appassionandosi a tutti quei temi che sarebbero diventati parte integrante della nostra vita quotidiana. Diventata giornalista specializzata nell'Ict, in quasi 30 anni di attività ha intervistato centinaia di Cio, Ceo e manager, raccontando innovazioni, problemi e strategie delle imprese nazionali e multinazionali dei settori più disparati. Come copy writer e ghost writer ha collaborato e collabora con moltissime aziende, tra cui 3Com, Microsoft, Fujitsu e Hp, seguendo da vicino l'evoluzione tecnologica (Erp, Datawarehousing, Business Intelligence, Networking, Security, e-Learning, Cloud, Rfid, Mobile, Internet of Things) e del mondo Web in generale. E ancora oggi continua a farlo...

8 Commenti

  1. paolo frollini 11 dicembre 2012 di 22:04 -  Rispondi

    Condivido, la lungimiranza dovrebbe essere prerogativa di molti imprenditori ma così non è. Di certo quello che sta avvenendo è sotto gli occhi di tutti ma solamente pochi hanno gli occhiali giusti per leggere il cambiamento in atto e vivere ai margini di tale cambiamento è estremamente pericoloso. Con l’aggravante della rapidità con cui oggi si modificano gli scenari competitivi.

    • Redazione 11 dicembre 2012 di 22:45 -  Rispondi

      Aggiungerei che in questo caso più che un problema di vision è una questione di paura del nuovo… I social network, a voler guardare, passano dalle tecnologie e molti manager diffidano ancora delle tecnologie. Il problema, come fa giustamente notare Paolo, è la rapidità con cui oggi si modificano gli scenari competitivi che impone proattività estrema, a differenza di una volta in cui tergiversare poteva risultare anche strategico.

  2. Marco Vita 17 giugno 2013 di 21:49 -  Rispondi

    I dirigenti che citi sono cresciuti in un ambiente diverso e ormai abbastanza desueto.
    Non vedendo un ritorno economico immediato non capiscono perché bisognerebbe investire concretamente risorse per ingaggiare personale che si occupi a tempo pieno (o quasi) dei nuovi mezzi di comunicazione per conto dell’azienda.
    E’ un cambio di mentalità complicato. E dubito che la situazione possa cambiare nel breve termine.
    Purtroppo per noi…che stiamo ad impazzire dalla mattina alla sera per trovare un lavoro più stabile in questo ambito.

    Chi vivrà vedrà…

    • Redazione The Biz Loft
      Redazione The Biz Loft 18 giugno 2013 di 12:57 -  Rispondi

      Ciao Marco,
      è vero che molti quadri aziendali hanno una mentalità lontana dalle nuove logiche del business. Il problema forse è più sottile: per un imprenditore utilizzare oggi la cultura del sospetto rischia di essere un grosso boomerang, soprattutto perché rappresenta il più grande freno all’innovazione. Quella utile, intendo, che supporta il cambiamento e aiuta le aziende a rimanere competitive… Le aziende che hanno nei manager i main sponsor dell’innovazione oggi sono quelle che sanno reinventarsi, sfruttando nuovi canali e nuovi strumenti. L’importante è capire sempre cosa si sta facendo e perché (cioé non perdere mai di vista gli obiettivi).

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • occhiali a realtà aumentata a teatro

    Nessun dorma (con i Google Glass)! La principessa Turandot va in scena indossando gli occhiali a realtà aumentata

    Google Glass a teatro, non certo per motivi glamour ma per godersi lo spettacolo con un pizzico di tecnologia in più: con gli occhiali a realtà aumentata, infatti, è il Teatro Lirico di Cagliari ad aver messo in scena uno spettacolo esclusivo e ad alto ingaggio in occasione della prima del capolavoro di Giacomo Puccini. Il titolo della…

  • protocollo open source per la iot

    Open Interconnect Consortium promuove la diffusione dell’Internet of Things e realizza un protocollo open source

    Stabilire un protocollo open source per la Internet of Things, definire i requisiti di connettività per tutti i dispositivi smart o dotati di Rfid, Nfc o tecnologie Bluetooth, realizzare un programma di certificazione dei prodotti: sono questi gli obiettivi dell’Open Interconnect Consortium formato da un network di attori del calibro di Atmel, Broadcom, Dell, Intel, Samsung e Wind…

  • Gioielli-intelligenti-nella-Internet-of-Things

    Gioielli intelligenti: la Internet of Things va di moda ed è preziosa (soprattutto perché torna utile)

    Gioielli intelligenti che, grazie a uno speciale sensore, indossati avvertono che è arrivata posta, sta suonando il telefono sprofondato nella borsa o un messaggio urge risposta. Nella Internet of Things la digital life e le tecnologie indossabili sono un must indissolubile: il ciondolo, il bracciale o l’anello diventano comunicanti ed è una bella cosa. La moda è effimera, capricciosa e volatile,…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…