Opinioni, Rfid Italia, Ricerca

Stiamo attenti: l’informazione non è necessariamente conoscenza

0 4

In un articolo precedente avevo proposto alcune considerazioni su un tema che potrebbe essere così parafrasato: cosa ha senso imparare? Una domanda non del tutto irrilevante, considerando almeno che (1) uno degli effetti della recente “liquefazione” della nostra società è la de-strutturazione del sapere (eventualmente presentata come valorizzazione della iper-specializzazione), e che (2) non sembra proprio, purtroppo, che al “mercato” interessino persone che sappiano pensare.

Come se fosse: la “società della conoscenza” non è (come invece si era detto) il nostro unico futuro possibile, ma un lusso, da accantonare in periodi di crisi…

Non è purtroppo più un paradosso che l’informazione di cui siamo sommersi non si trasformi in modo altrettanto efficace in conoscenza. Anzi. A giocare con un’ipotesi sociologica, si potrebbe sostenere che non solo l’informazione è diventata una merce (e questo pare ormai ovvio), ma anche che essa, in quanto merce, si vende tanto meglio quanto meno è passibile di trasformarsi in conoscenza (e gli esempi a questo proposito potrebbero sprecarsi…).

Nonostante il mio liceo classico, non ho le idee sufficientemente chiare quanto alla rilevanza di imparare un po’ di latino e greco (un tema proposto nel thread precedente) per la formazione di una propria conoscenza. Dato che è invece una ventina di anni che insegno “matematiche applicate” in università, ho un minimo di esperienza e qualche supposizione al riguardo.

Sappiamo che, purtroppo, gli studenti arrivano in università conoscendo poco la matematica, e questo nonostante siano stati esposti a contenuti di matematica per 5+3+5 anni. Perché? La mia risposta è, semplicemente: perché la scuola ha offerto loro una certa quantità di informazione matematica, ma senza aiutarli efficacemente a trasformarla in conoscenza.

Se consideriamo la matematica in particolare come uno strumento per studiare (descrivere, spiegare, prevedere, …) il mondo e strutturare il pensiero al proposito, e chiamiamo “matematichese” tale componente linguistico-strumentale, si può sostenere che generalmente gli studenti non sanno “pensare in matematichese”.
Un micro-test al proposito: all’ingresso in università, una percentuale non trascurabile di studenti ritiene che 7/8 sia maggiore di 8/9. Chiaramente qui non dovrebbe valere il “non me lo ricordo” (che sarebbe invece accettabile per le formule di prostaferesi). Il punto è invece che perfino un contenuto di base come le frazioni è rimasto solo informazione, senza diventare conoscenza, e quindi lo si è potuto dimenticare.
In questo senso, mi pare che la questione se sia ancora opportuno imparare a fare i conti a mente (un altro tema proposto nel thread precedente) perda un po’ di rilevanza. Il problema non è di tipo strumentale. Non è: quali strumenti devo imparare a usare? Ma: come i tanti strumenti disponibili mi aiutano a pensare? E quindi a essere una persona (e non solo un consumatore) migliore?

Microsite di:  / 

Luca Mari

Professore ordinario di scienza della misurazione presso la Scuola di Ingegneria Industriale dell’Università Carlo Cattaneo - LIUC di Castellanza, dove dirige il laboratorio Lab#ID ed è coordinatore del corso di Dottorato di Ricerca in Gestione Integrata d’Azienda. È, tra l’altro, chairman del TC 1, Terminology, dell’International Electrotechnical Commission (IEC) e rappresentante dell’IEC nel gruppo di lavoro sul Vocabolario Internazionale di Metrologia (VIM) del Joint Committee for Guides in Metrology (JCGM). È stato chairman del TC 7, Measurement Science, dell’International Measurement Confederation (IMEKO). È autore di varie pubblicazioni scientifiche e di testi didattici.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • vending-machine-biometria

    Vending machine smart per Coca Cola, che sperimenta un’interazione 2.0

    Sensori e realtà aumentata integrate nelle vending machine che diventano smart, riconoscendo le nostre emozioni più nascoste per offrire ai consumatori un’esperienza interattiva al gusto di… coca (Cola). Il marketing scopre il real-time advertising nei distributori automatici più intelligenti. In questo case study l’ingaggio australiano punta all’innovazione più tecnologica, fondendo digital signage interattivo e product experience in…

  • scuola-gestione-mense-Rfid

    A scuola con i badge NFC: servizi scolastici più veloci ed efficienti nell’era delle smart city

    Tecnologia contactless e pagamenti elettronici anche a scuola, per la prenotazione dei servizi di mensa fatta direttamente da ogni bambino grazie all’Rfid, anzi, più precisamente grazie a un badge Nfc. Succede ad Agliè, comune del Piemonte che per l’anno scolastico 2014/2015 ha introdotto un sistema innovativo di tessere prepagate che, grazie a una card personale, all’ingresso della scuola…

  • Come cambia la gestione della produzione con IoT, Big Data e cloud: 4 punti fondamentali

    L’impatto di IoT, Big Data e cloud sulla gestione della produzione. L’informazione diventa …customer centrica

    Internet of Things, Big Data e cloud stanno portando cambiamenti significativi nella gestione della produzione industriale. L’informatizzazione supporta il business ma la IoT cambia le priorità degli IT manager. Smart city, domotica, smart object, auto intelligenti e sensorizzate, applicazioni Rfid o Nfc, sistemi M2M: l’Internet delle Cose nel prossimo futuro ci farà entrare in un’era ultra connessa,…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • Come cambia la gestione della produzione con IoT, Big Data e cloud: 4 punti fondamentali

    L’impatto di IoT, Big Data e cloud sulla gestione della produzione. L’informazione diventa …customer centrica

    Internet of Things, Big Data e cloud stanno portando cambiamenti significativi nella gestione della produzione industriale. L’informatizzazione supporta il business ma la IoT cambia le priorità degli IT manager. Smart city, domotica, smart object, auto intelligenti e sensorizzate, applicazioni Rfid o Nfc, sistemi M2M: l’Internet delle Cose nel prossimo futuro ci farà entrare in un’era ultra connessa,…

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…