Opinioni, Rfid Italia, Ricerca

Stiamo attenti: l’informazione non è necessariamente conoscenza

0 3

In un articolo precedente avevo proposto alcune considerazioni su un tema che potrebbe essere così parafrasato: cosa ha senso imparare? Una domanda non del tutto irrilevante, considerando almeno che (1) uno degli effetti della recente “liquefazione” della nostra società è la de-strutturazione del sapere (eventualmente presentata come valorizzazione della iper-specializzazione), e che (2) non sembra proprio, purtroppo, che al “mercato” interessino persone che sappiano pensare.

Come se fosse: la “società della conoscenza” non è (come invece si era detto) il nostro unico futuro possibile, ma un lusso, da accantonare in periodi di crisi…

Non è purtroppo più un paradosso che l’informazione di cui siamo sommersi non si trasformi in modo altrettanto efficace in conoscenza. Anzi. A giocare con un’ipotesi sociologica, si potrebbe sostenere che non solo l’informazione è diventata una merce (e questo pare ormai ovvio), ma anche che essa, in quanto merce, si vende tanto meglio quanto meno è passibile di trasformarsi in conoscenza (e gli esempi a questo proposito potrebbero sprecarsi…).

Nonostante il mio liceo classico, non ho le idee sufficientemente chiare quanto alla rilevanza di imparare un po’ di latino e greco (un tema proposto nel thread precedente) per la formazione di una propria conoscenza. Dato che è invece una ventina di anni che insegno “matematiche applicate” in università, ho un minimo di esperienza e qualche supposizione al riguardo.

Sappiamo che, purtroppo, gli studenti arrivano in università conoscendo poco la matematica, e questo nonostante siano stati esposti a contenuti di matematica per 5+3+5 anni. Perché? La mia risposta è, semplicemente: perché la scuola ha offerto loro una certa quantità di informazione matematica, ma senza aiutarli efficacemente a trasformarla in conoscenza.

Se consideriamo la matematica in particolare come uno strumento per studiare (descrivere, spiegare, prevedere, …) il mondo e strutturare il pensiero al proposito, e chiamiamo “matematichese” tale componente linguistico-strumentale, si può sostenere che generalmente gli studenti non sanno “pensare in matematichese”.
Un micro-test al proposito: all’ingresso in università, una percentuale non trascurabile di studenti ritiene che 7/8 sia maggiore di 8/9. Chiaramente qui non dovrebbe valere il “non me lo ricordo” (che sarebbe invece accettabile per le formule di prostaferesi). Il punto è invece che perfino un contenuto di base come le frazioni è rimasto solo informazione, senza diventare conoscenza, e quindi lo si è potuto dimenticare.
In questo senso, mi pare che la questione se sia ancora opportuno imparare a fare i conti a mente (un altro tema proposto nel thread precedente) perda un po’ di rilevanza. Il problema non è di tipo strumentale. Non è: quali strumenti devo imparare a usare? Ma: come i tanti strumenti disponibili mi aiutano a pensare? E quindi a essere una persona (e non solo un consumatore) migliore?

Microsite di:  / 

Luca Mari

Professore ordinario di scienza della misurazione presso la Scuola di Ingegneria Industriale dell’Università Carlo Cattaneo - LIUC di Castellanza, dove dirige il laboratorio Lab#ID ed è coordinatore del corso di Dottorato di Ricerca in Gestione Integrata d’Azienda. È, tra l’altro, chairman del TC 1, Terminology, dell’International Electrotechnical Commission (IEC) e rappresentante dell’IEC nel gruppo di lavoro sul Vocabolario Internazionale di Metrologia (VIM) del Joint Committee for Guides in Metrology (JCGM). È stato chairman del TC 7, Measurement Science, dell’International Measurement Confederation (IMEKO). È autore di varie pubblicazioni scientifiche e di testi didattici.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • negozio_2.0

    Negozi 2.0 nelle smart city: anche l’innovazione è un servizio (intelligente)

    Il retail, rispetto ad altri settori, ha conosciuto l’informatica molto tardi, ma oggi i negozi 2.0 stanno diventando un obiettivo per moltissimi operatori della distribuzione. Come? Migrando verso i concept store e utilizzando Rfid, Nfc, sensori e tutto quello che, in sintesi, è digital innovation .Migliorare la shopping experience, potenziare la forza del brand, aumentare…

  • digital-signage-management

    Digital signage management sempre più spettacolare per Benetton che ingaggia le persone con la realtà aumentata

    Non se ne parla mai abbastanza ma dal cristallo alle superfici capacitive il digital signage management in vetrina sempre più spesso è un’occasione ad alto tasso di ingaggio. Grazie all’evoluzione tecnologica Benetton in corso Vittorio Emanuele a Milano ha iniziato una nuova forma nuova e creativa di intrettenimento scenico. A sfruttare la sensoristica di nuova generazione una piattaforma che combina motion capture, realtà…

  • smart-poster-nfc

    Eataly sceglie lo smart poster Nfc (o qr code), favorendo la shopping experience con il mobile payment

    Smart poster per agevolare gli acquisti: che siano d’impulso o ponderati, massimo interesse di fronte alla comodità di una shopping experience che utilizza il telefonino Nfc oppure la scansione del Qr code per attivare la transazione con il mobile payment inaugurando un nuovo touch point per l’e-commerce. L’idea è stata sponsorizzata da Vodafone che ha…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…

  • tendenze di mercato - il retail del futuro

    Le tendenze di mercato 2014 nel settore retail in 10 previsioni: lo shopping è destinato a cambiare (completamente)

    Il retail è un’industria incredibilmente dinamica. E, grazie all’avvento delle nuove tecnologie, in futuro assisteremo a cambiamenti sempre più frequenti nelle tendenze di mercato. Vediamo quali sono i 10 punti chiave delle tendenze di mercato che rivoluzioneranno il nostro modo di fare shopping in futuro. #1 Le aziende ci leggono (quasi) nel pensiero Grazie alle nuove…