News dai Soci

SweetAge1: biometria e mobile per la telemedicina

3 10

In futuro basterà un braccialetto e un cellulare per essere costantemente monitorati dal medico, sia a casa che fuori. A Roma, infatti, è partita la sperimentazione di un sistema di tele-assistenza a domicilio multiparametrico per anziani affetti da Bronco-Pneumopatia Cronica Ostruttiva (Bpco) che, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, è attualmente la quarta causa di morte nel mondo, con 600 milioni di persone colpite.

Sweetage-1 è un innovativo sistema di tele-monitoraggio domiciliare a più parametri per pazienti over 65, avviato attraverso un progetto sperimentale di telemedicina promosso da un consorzio costituito da Università Campus Bio-Medico di Roma, Cattid-Sapienza Università di Roma e Intersistemi, che si avvalgono della collaborazione di Evolvo, Go Management Consulting e Fondazione Alberto Sordi, il progetto è finanziato dalla Regione Lazio attraverso la Finanziaria Laziale di Sviluppo (Filas).

Il progetto prevede che venga effettuato il monitoraggio remoto dei parametri clinici rilevati su 50 pazienti anziani affetti da Bpco in un arco temporale di dodici mesi ad opera di un team di sanitari e ricercatori dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, responsabile per gli aspetti scientifici della sperimentazione. I dati biometrici saranno rilevati attraverso un sistema sensoristico indossato, mediante un apposito bracciale, dai pazienti stessi e verranno trasmessi a un ‘presidio di controllo sanitario’ dedicato dal Campus Bio-Medico alla sperimentazione.

Un follow-up strutturato dei pazienti con Bpco consentirà l’adozione tempestiva di strategie diagnostiche e terapeutiche, assicurando la pronta identificazione delle riacutizzazioni e permettendo la riduzione delle spese per ricoveri ospedalieri, in un’ottica di contenimento dei costi e di miglioramento della qualità di vita non solo dell’assistito, ma anche dei suoi familiari e in generale dei cosiddetti ‘prestatori di cura’.

All’interno del team di progetto, Intersistemi ed Evolvo hanno il compito di progettare e realizzare il sistema di monitoraggio remoto, che permetterà agli specialisti del Campus Bio-Medico di ricevere tutte le informazioni previste in modo strutturato e di seguire a distanza i pazienti sottoposti a sperimentazione.

Il Cattid si occupa, invece, di curare la progettazione del sistema sensoristico e telemetrico. Go Management contribuisce, a sua volta, alla progettazione e alla gestione globale del progetto, mentre la Fondazione Alberto Sordi, che ha come finalità statutaria la promozione di attività di ricerca sulle patologie dell’invecchiamento, curerà in particolare la diffusione dei risultati, anche attraverso eventi a carattere scientifico, divulgativo e formativo.

La validazione scientifica dei risultati della ricerca sanitaria avverrà attraverso lo studio di un gruppo di controllo di 50 pazienti con stesse caratteristiche di quelli monitorati attraverso il sistema remoto, assistiti però in modo tradizionale e sottoposti, a fine sperimentazione, a una valutazione dei medesimi indicatori-chiave raccolti nel gruppo di studio del progetto.

Il progetto sarà presentato domani, mercoledì 22 giugno 2011 dal Cattid “Sapienza” Università di Roma alle ore 10 nell’Aula Conferenze del Centro per la Salute dell’Anziano dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, in occasione del convegno “Il progetto SweetAge1 quale futuro nella telemedicina?” in cui saranno presentati l’attività di ricerca e i risultati ottenuti.

I temi trattati nel convegno, andranno dalla presentazione del progetto di ricerca in termini di prospettiva sanitaria, tecnologica ed informatica ai risultati scientifici ottenuti con relativa ricaduta imprenditoriale nell’ambito di Business model e scenari economici socio-sanitari futuri.

Per partecipare all’evento è necessario accreditarsi presso la segreteria organizzativa all’indirizzo mail: info@fondazionealbertosordi.it

Microsite di:  / 

Rfid Lab Roma

Il CATTID (Centro per le Applicazioni della Televisione e delle Tecniche d’Istruzione a Distanza) dell'Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, è strutturati in “Laboratori” tra i quali quello RFID Lab, un laboratorio di test e integrazione per tecnologie di Identificazione a Radio Frequenza. All’interno dell'Università “La Sapienza”, il RFID Lab integra le proprie competenze con quelle del Dipartimento di Controllo e Gestione delle Merci e del loro impatto sull’ambiente (ora Dipartimento per le Tecnologie, le Risorse e lo Sviluppo) della Facoltà di Economia, del Centro d’eccellenza per i Trasporti e la Logistica della Facoltà di Ingegneria e del Pictorial Computing Laboratory della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • Servizio-wi-fi

    Un nuovo concept di servizio Wi-Fi per Gruppo Miroglio che offre un supporto omnicanale anche alla shopping experience

    Condivisione, collaboration e CRM ad alto valore aggiunto per Gruppo Miroglio che reingegnerizza il servizio Wi-Fi offrendo connessione e accesso alle informazioni a dipendenti e consumatori. Dispositivi mobili e servizi Wi-Fi diventano il braccio armato della comunicazione e del business, consentendo maggiore sicurezza e presidio anche in store. Nato nel 1947 ad Alba, in provincia di…

  • auto-del-futuro-Rfid

    Più sicurezza sulle strade grazie alle auto del futuro: la Internet of Things protagonista del progetto Drive C2x

    Belle, sensibili, sicure e intelligenti: le auto del futuro saranno molto più di un mezzo per gli spostamenti grazie a sensori, tag Rfid, Gprs e tecnologie da fantascienza. Gli Intelligent Trasnport System (Its) sono infatti un capitolo fondamentale delle smart city. Molti i progetti in strada. Drive C2x, ad esempio, è uno studio finanziato dall’Unione Europea per il settore automotive con…

  • Moverio BT-200 di Epson - smart glass per la realtà aumentata

    Occhiali intelligenti e realtà aumentata: con Moverio Epson fa crowdsourcing sulle nuove frontiere applicative

    I Google Glass sono stati solo i primi a sdoganare la realtà aumentata al popolo dei consumatori. Oggi anche Epson dice la sua lanciando i suoi occhiali intelligenti (dal nome impossibile): Epson Moverio Bt-200. Tecnologia ecelettica e versatile, da qualche tempo l’augmented reality ha trovato applicazione nei settori più disparati anche in Italia: dall’arte al turismo, passando per il gaming…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…