Social Media

Tablet iPad: 6 alternative per sei “tipi” diversi

2 160

Non c’è dubbio: il tablet iPad è il più popolare al mondo. Il lancio del primo modello, nel 2010, ha aperto un nuovo mercato globale, mentre iPad 2, nel 2011, ha avuto un successo immediato.

La Apple è riuscita a generare un fenomeno globale fondato sì sull’eccellenza tecnologica, ma anche su un’eccitazione che va oltre le funzionalità del suo tablet, che ha nonostante tutto una serie di limitazioni: non ha una vera e propria porta USB, usa un sistema operativo (l’iOs) che dialoga poco con l’esterno.

Il tablet iPad sembra irraggiungibile, ma ha molti concorrenti agguerriti

Così non sono pochi i membri dell’elìte degli anti tablet iPad, che comprano prodotti alternativi e non disdegnano le parodie del tablet più famoso del mondo. Le alternative al tablet iPad della Apple ci sono! Eccole, quindi, associate ad altrettanti “tipi” diversi.

Il sostanzioso

alternativa-tablet-ipad-kindle-fireIn testa alle classifiche di gradimento più recenti delle alternative al tablet iPad c’è Kindle Fire di Amazon. Schermo 7 pollici, porta Usb 2.0, interfaccia grafica studiata appositamente per la lettura di magazine, quotidiani e libri, processore dual core, connettività wi-fi e accesso al sistema cloud Amazon Silk: queste le caratteristiche principali di Fire, che offre anche una memoria da 8 Gb. E gli utenti sanno di poter contare sui contenuti offerti dallo stesso store Amazon (milioni di e-book, film, file musicali, qualche volta gratuiti). Il tutto al prezzo di 199 dollari.

Lo sfizioso

alternativa-tablet-ipad-galaxy-tabGalaxy Tab 10.1 di Samsung gode di ottime credenziali. La casa sudcoreana prova a conquistare il mercato con linee minimal, uno schermo ultra-sottile da 10 pollici, sistema multitasking di ultima generazione basato sull’uso di mini applicazioni, supporto ai programmi Office, Adobe e Flash tanto odiati da Apple. Il tutto con il traino del software aperto Android Honeycomb (scuola Google), una connettività che punta su wi-fi e Bluetooth, e due fotocamere da 3 e 2 Mp. Può essere vostro per 499 dollari, con memoria da 16 Gb, oppure a 599 dollari, con memoria da 32 Gb.

L’ipertecnologico

alternativa-tablet-ipad-eeepad-asusDifficile non rimanere impressionati da Eee Pad di Asus. La compagnia asiatica è la prima a montare processori quad core Tegra 3 Nvidia, che massimizzano le prestazioni e rendono fluida ogni attività: quasi più del tablet iPad di Apple. Lo schermo a 10 pollici presenta un particolare metodo di retroilluminazione rinominato Transformer Prime, mentre le operazioni del tablet sono mosse dal sistema Android Honeycomb. A completare il pacchetto, una tastiera come optional, connessione wireless e Bluetooth. E’ invendita al prezzo di 399 e 552 dollari, rispettivamente con memoria da 16 e 32 Gb.

Il businessman

alternativa-tablet-ipad-lenovo-thinkpadLenovo ThinkPad pensa agli uomini d’affari. Difficile infatti immaginare qualcun altro interessato alla gamma di accessori offerti dalla casa cinese: tra questi, una penna con cui scrivere sullo schermo touch da 10 pollici e, con una spesa extra di 90 dollari, una tastiera molto simile a quella di un pc. Al prezzo di 589 dollari si entra in possesso della versione da 32 Gb di memoria, mentre la versione 16 gb costa 489 dollari. Ciascun modello ha sistema operativo Android Honeycomb, porte Usb di tutte le dimensioni e un mutitasking reso più funzionale da Lenovo Launcher Widgets, che divide il display in cinque sezioni gestibili in contemporanea.

Il pratico

alternativa-tablet-ipad-acer-iconiaQuasi opposta la filosofia Acer, che con Iconia Tab A100 offre alla clientela un dispositivo mobile essenziale nella linea quanto nella dotazione: schermo compatto da 7 pollici, software Andorid Honeycomb e processore dual core. Il design non è paragonabile a quello del tablet iPad, la fotocamera incorporata lascia un po’ a desiderare e non c’è una porta Usb. Ma per chi chiede la possibilità di lavorare in wi-fi su schermo al tocco a prezzi ragionevoli, ecco la soluzione. Iconia costa 329 dollari nella versione 8 Gb e 359 dollari in quella da 16 Gb.

L’alternativo fra gli alternativi

alternativa-tablet-ipad-blackberry-playbookRim è da sempre la rivale di Apple e non poteva esimersi dal lanciare un’alternativa al tablet iPad. Ecco quindi che, secondo gli addetti ai lavori, uno dei più acerrimi nemici di iPad avrebbe dovuto essere BlackBerry PlayBook. Design da museo d’arte contemporanea, schermo 7 pollici ultra-sensibile e due fotocamere offrono risoluzione da 3 e 5 megapixel sono un’ottima presentazione. La connettività è garantita dal sistema wi-fi e, sui modelli più elevati, anche dal 3G. Certo, il sistema operativo è proprietario e perciò presenta alcuni dei difetti Apple. E anche i prezzi sono elevati: 499 dollari per la versione 16 Gb, 599 dollari per quella 32 Gb e 699 dollari per quella 64 Gb. Ma se volete essere ancora più snob degli utenti iPad, questa è l’unica scelta possibile.

Microsite di:  / 

Stefano Pini

Nato in provincia di Bergamo nell’inverno del 1983, si laurea in Lettere all’Università degli Studi di Milano. Scrive di media e comunicazione per diverse testate web. Si occupa anche di poesia e letteratura.

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • Acciaieria-siderurgia-Rfid

    Ori Martin sceglie l’Rfid. Così la siderurgia incontra l’identificazione automatica più innovativa

    Ori Martin, specialista nella produzione di acciai speciali per il settore automobilistico in particolare e per l’industria meccanica in generale, ha scelto di investire nell’Rfid per un progetto di identificazione automatica, automazione e controllo delle fasi successive alla produzione del tondo in rotoli laminato a caldo. Nell’acciaieria bresciana la tecnologia Rfid per l’identificazione automatica ha rappresentato una sfida impegnativa, superata grazie ad…

  • Servizio-wi-fi

    Un nuovo concept di servizio Wi-Fi per Gruppo Miroglio che offre un supporto omnicanale anche alla shopping experience

    Condivisione, collaboration e CRM ad alto valore aggiunto per Gruppo Miroglio che reingegnerizza il servizio Wi-Fi, offrendo connessione e accesso alle informazioni a dipendenti e consumatori. Dispositivi mobili e servizi Wi-Fi diventano il braccio armato della comunicazione e del business, consentendo maggiore sicurezza e presidio anche in store. Nato nel 1947 ad Alba, in provincia di Cuneo,…

  • auto-del-futuro-Rfid

    Più sicurezza sulle strade grazie alle auto del futuro: la Internet of Things protagonista del progetto Drive C2x

    Belle, sensibili, sicure e intelligenti: le auto del futuro saranno molto più di un mezzo per gli spostamenti grazie a sensori, tag Rfid, Gprs e tecnologie da fantascienza. Gli Intelligent Trasnport System (Its) sono infatti un capitolo fondamentale delle smart city. Molti i progetti in strada. Drive C2x, ad esempio, è uno studio finanziato dall’Unione Europea per il settore automotive con…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…