Tag Rfid per la spazzatura: l’ultimo modello si chiama INSKYL2-G2iL

Tag Rfid progettati appositamente per gestire uno degli argomenti più complessi della Pubblica Amministrazione: i rifiuti. Lab Id, leader europeo nella produzione di inlay Rfid, ha messo all’opera i suoi sviluppatori. Il risultato è un nuovissimo tag Rfid studiato appositamente per applicazioni nell’ambito della raccolta differenziata.

tag-rfid-spazzatura

I sistemi di raccolta e di smaltimento della spazzatura sono processi che richiedono una logistica e una georeferenziazione particolari. Ogni realtà comunale e provinciale negli anni ha cercato di risolvere l’argomento  in diversi modi. L’utilizzo dei tag Rfid porta una tracciabilità garantita e messa a sistema che permette di razionalizzare lo smaltimento, consentendo di gestire al meglio la raccolta differenziata e l’indifferenziata, a tutto vantaggio di una nuova economia all’insegna dell’ecologia. Tant’è che in tutto il mondo crescono i casi di utilizzo dei tag Rfid che, a seconda dei sistemi prescelti, vengono usati in vari modi: sui cassonetti, sui mezzi di trasporto, sui secchielli di raccolta o su ogni singolo sacchetto.

Un nuovo tag Rfid che funziona in tanti ambienti diversi

tag-rfid-rifiutiIl nuovo tag Rfid di Lab Id si chiama INSKYL2-G2iL ed è un transponder con configurazione dipolo dalle dimensioni estremamente contenute: 54×18 millimetri.

“Per il suo rapporto prezzo/prestazioni – spiega Giovanni Codegoni, responsabile commerciale di Lab Id – il tag Rfid INSKYL2-G2iL è particolarmente indicato per essere utilizzato in situazioni di alti volumi, garantendo costi contenuti. Il prodotto è già disponibile e può essere utilizzato (come gia’ stato fatto in casi reali) anche in presenza di liquidi/metalli con opportune accortezze implementative”.

Il prodotto sfrutta il chip NXP G2iL della famiglia U-code, componente di ultima generazione capace di offrire sensibilità e prestazioni elevate. Grazie al suo profilo in frequenza e al suo pattern di radiazione, il tag dimostra ottimi risultati sull’applicazione nei sacchetti monouso anche con diverse modalità di lettura. I test effettuati in laboratorio e le prime applicazioni dal vivo confermano le ottime letture multiple sui rotoli con palmari di media potenza.

Last updated by: .

Authors
Tags ,

Related posts

*


tre × = 27

Top