Ricerca, Social Media

Tedx Lake of Como: innovare in Italia è possibile

2 3

Tecnologia, Entertainment, Design: in una parola, TED. 13 relatori sul palco e una certezza condivisa: il futuro dell’Italia è l’innovazione.

Sabato 6 novembre 2011 si è tenuto presso l’Auditorium del Polo di Como del Politecnico di Milano il TedxLake of Como, spin-off italiano indipendente della Conferenza, con un tema molto forte: il buon uso del mondo.

Una giornata pregnante, ricca di un’atmosfera di vibrante entusiasmo che si respirava in un sabato qualunque in un’aula di un’Università italiana come tante.

I primi appluasi sono arrivati per Frieda Brioschi, fondatrice della filiale italiana di Wikipedia e attenta osservatrice dell’universo 2.0. Alla domanda sull’autosospensione dell’enciclopedia online in occasione della discussione da parte del governo del DDL Intercettazioni, la giovane crowdsoucer ha risposto secca e sorridente:  “Wikipedia è libera”.
Il suo contributo ha dato voce a chi come lei predica un’innovazione del sapere su basi democratiche e di rispetto reciproco.

Della stessa opinione Luca de Biase, giornalista e fondatore di Nòva che ha descritto un’Italia in cui si avverte il bisogno di riformare l’informazione, tornando a raccontare fatti e non opinioni.
Non si deve intervenire solo su chi scrive, fotografa o parla, ma soprattutto su chi legge, guarda e ascolta attraverso quello sconfinato universo che è il web sociale.
Il successo senza pari di Facebook, Twitter e piattaforme blog svariate ed eventuali  ha infatti il merito di ridare a tutti una voce e il demerito di appiattire le differenze, incoraggiando la condivisione solo con i nostri simili, per azzerare la componente fondamentale di un confronto tra le diversità.
De Biase, che tra le altre cose è presidente di un centro di ricerca sulla qualità dell’informazione nei media sociali (Ahref), ha sottolineato l’urgenza di rinnovare l’informazione italiana qualitativamente, partendo dai contenuti.

Quasi in un botta e risposta tra “informatori”, sono arrivati i 20 minuti di Antonio Amendola, fotografo ideatore dell’associazione Shoot 4 Change alias informazione sociale attraverso uno scatto. Il creativo ha riportato la sua esperienza di uomo affamato di raccontare le realtà più in ombra della nostra società e della sua comunità di obiettivi volontari italiani e internazionali.  Armati di una reflex,  di una compatta o di uno smartphone catturano in un’immagine il bello e il brutto del mondo. L’innovazione per Amendola sta nel cambio di prospettiva.

E di immagini ha parlato anche Roberto Carraro, designer dei nuovi media.  Lo sviluppatore di applicazioni in realtà aumentata per iPad2 ha fornito ulteriori visioni del mondo circostante, mettendo l’accento sull’importanza dell’esperienza digitale.
Roma Virtual History è un’applicazione in 3D con tecnologia  Bubble Viewer integrata che sfrutta i sensori di movimento presenti nel tablet (accelerometro e bussola).
Primo e forse unico italiano ad essere stato citato da Steve Jobs durante la presentazione dei tablet di seconda generazione, il designer crede fortemente nella multimedialità immersiva e nelle potenzialità che l’Italia ha di eccellere in questo settore, grazie alla sua tradizione artistica radicata nei secoli.
La tecnologia incontra la storia dell’arte nelle opere e nelle parole di Carraro, per il quale l’innovazione passa dallo sviluppo di una mobilità consapevole, in cui i device e il digitale diventano protesi dell’uomo.

Tema ripreso in seguito da Silvia Bossi, ricercatrice di biorobotica presso l’Istituto Sant’Anna di Pisa, che ha illustrato dei prototipi di interfacce neurali invasive. In termini più accessibili, delle neuroprotesi da impiantare direttamente nel sistema nervoso umano che attraverso la trasmissioni di impulsi permettono il recupero di funzioni perdute: vista, controllo degli arti e così via.
La Bossi ha poi raccontato del suo periodo di permanenza nella Silicon Valley come studentessa di un programma imprenditoriale avanzato. Proprio in California ha trovato il finanziatore della sua idea di business e  ha deciso di tornare in patria per mettere a sistema  qui, come negli Stati Uniti, un’innovazione accompagnata dalla voglia di fare e di osare.

Non è dovuto volare in America, invece, Davide Marrone, giovane startupper comasco, Ceo di Skebby. Prima applicazione per l’invio di sms gratuiti, Skebby è diventata una fortunata azienda corteggiata da investitori e media nazionali.

Anche Stefano Milanese è stato baciato dalla fortuna. E dal vento italiano. Ingegnere e ricercatore del Politecnico di Torino, Milanese studia da qualche anno l’eolico di alta quota e negli ultimi 5 anni ha fondato delle startup di successo, tra cui KitEnergy. Al centro della sua riflessione il concetto, spendibile a livello tecnologico e industriale, che per innovare sia necessario puntare in alto. “Il futuro è nel cielo” ha concluso.

Un buon uso del mondo passa per l’informazione, la tecnologia ma soprattutto per il coraggio, l’ambizione e la libertà. Tutto questo si traduce in un’innovazione possibile anche in Italia. Basta non avere paura.

Microsite di:  / 

Serena Gallucci

Junior Editor e Social Network Specialist di The Biz Loft

2 Commenti

  1. Pingback

    » @TEDX Lake Como Faccio Cose Vedo Gente

    • Redazione 8 novembre 2011 di 12:28 -  Rispondi

      Grazie per il link, Frieda! E ancora complimenti per l’intervento di sabato :-)

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • navigatori wearable technology

    I navigatori bluetooth fanno… passi da gigante: arrivano le scarpe intelligenti integrate con Google Maps

    Navigatori sempre più intelligenti, sensorizzati e integrati in tante cose diverse. Ad esempio le scarpe, su cui diverse società sportive (Adidas e Nike per esempio) stanno portando avanti le loro sperimentazioni. Ducere Technologies, invece di pensare allo sport a pensato agli ipovedenti, inventando le scarpe intelligenti che fungono da navigatori: si chiamano Lechal, che in Hindi significa, non…

  • negozio_2.0

    Negozi 2.0 nelle smart city: anche l’innovazione è un servizio (intelligente)

    Il retail, rispetto ad altri settori, ha conosciuto l’informatica molto tardi, ma oggi i negozi 2.0 stanno diventando un obiettivo per moltissimi operatori della distribuzione. Come? Migrando verso i concept store e utilizzando Rfid, Nfc, sensori e tutto quello che, in sintesi, è digital innovation.Migliorare la shopping experience, potenziare la forza del brand, aumentare l’efficacia…

  • digital-signage-management

    Digital signage management sempre più spettacolare per Benetton che ingaggia le persone con la realtà aumentata

    Non se ne parla mai abbastanza ma dal cristallo alle superfici capacitive il digital signage management in vetrina sempre più spesso è un’occasione ad alto tasso di ingaggio. Grazie all’evoluzione tecnologica Benetton in corso Vittorio Emanuele a Milano ha iniziato una nuova forma nuova e creativa di intrettenimento scenico. A sfruttare la sensoristica di nuova generazione una piattaforma che combina motion capture, realtà…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…