Guide, Opinioni, Rfid Italia

Un tablet sul lavoro? 5 buoni motivi per dire sì

2 247

I tablet sono nati per il business. Lo sanno in pochi, ma usare un tablet sul lavoro è non soltanto utile, ma necessario (se non oggi, fra poco). Anche se è stata la Apple a imporli come prodotti di massa, i loro antenati, che risalgono alla fine degli anni Ottanta, sono stati progettati come strumenti professionali.

un tablet sul lavoro è necessario

Come spesso accade per le tecnologie di frontiera, a quel tempo non hanno avuto successo nel mondo consumer. Non sono stati né usati, né capiti. Ma da allora (dal 2007 in effetti, quando HP lanciò sul mercato il primo tablet consumer, che si chiamava Pavilion tx1x00) le cose sono molto cambiate. Oggi anche il tablet sul lavoro è cool, anche se chi lo compra lo fa soprattutto per motivi che poco hanno a che fare con il lavoro.

È vero oggi e lo sarà domani. Perché ci sono cinque buoni motivi che mi portano a credere che presto, anzi prestissimo, i tablet torneranno “a casa”, diventando uno dei cardini informatici delle imprese.

1: un tablet sul lavoro è semplice e pratico

Provate a pensare alle cose che vi fanno arrabbiare del vostro computer e poi applicate la stessa selezione a un tablet: scoprirete che quest’ultimo non è afflitto da quei difetti. La sua batteria dura un giorno intero (un Graal che i laptop non sono mai riusciti a raggiungere), è incredibilmente semplice da usare (sia iOS che Android, i due sistemi operativi con cui la maggior parte dei tablet funzionano, sono progettati con la semplicità d’uso in mente), non si rompe quasi mai (funziona con memorie allo stato solido praticamente indistruttibili, non ha una tastiera e ha pochissimi pulsanti: insomma è monolitico e compatto e quindi assai poco soggetto a guasti), è pratico (si può infilare dovunque e con una tastiera esterna è in grado di fare (quasi) tutto quello che fa un computer tradizionale).

2: un tablet sul lavoro potrà presto fare di tutto

I nuovi tablet nascono nell’era delle App e questo ne fa strumenti estremamente versatili. Le App sono tantissime (oggi ce ne sono già più di 500 mila per i tablet della Apple e più di 370 mila per Android. Al momento la maggior parte non è dedicata al mondo del lavoro (i giochi la fanno tuttora da padrone), ma il trend sta cambiando rapidamente e presto, diciamo fra due anni al massimo, le App professionali saranno la maggioranza (noi in Aton ne abbiamo realizzata una, .onSales, e che rende la vita molto più facile alla forza commerciale con decine di funzioni avanzate. Gira sull’iPad e presto anche sbarcherà anche sui tablet Android). Pensate ai primi cinque software aziendali che vi vengono in mente: è probabile che tutti e cinque abbiano già un client che funziona su un tablet (o che l’azienda che li produce abbia un team di ricercatori che ci sta lavorando).
Fra due anni un tablet vi permetterà di fare gran parte di ciò che vi serve nella vostra giornata lavorativa, dalla scrittura di un documento in word a una query su un As-400.

3: un tablet sul lavoro aiuta a concentrarsi sul cosa, non sul come

I computer tradizionali, anche quelli semplici, sono complicati. Chi lavora in una piccola azienda trascorre parte considerevole del suo tempo a risolvere problemi legati al sistema operativo, a installare (o reinstallare) applicazioni, a trovare funzioni o impararne altre, a cancellare virus… Chi invece lavora in una grande azienda chiede tutto questo al tecnico interno, il che porta comunque via tempo. Un tablet riduce drasticamente queste complessità. L’uomo dei computer verrà comunque a trovarvi, di quando in quando. Ma lo vedrete senza dubbio meno di prima. Lui avrà più tempo per dedicarsi a migliorare l’ICT della vostra azienda, voi potrete concentrarvi di più sul vostro lavoro (quello vero).

un tablet sul lavoro aiuta

4: un tablet sul lavoro è uno straordinario strumento di marketing

La portabilità estrema, la qualità dello schermo, l’assenza di “fronzoli”, la durata delle batterie, fanno dei tablet l’oggetto ideale per presentare il proprio lavoro ad altri. Che si tratti di una presentazione di slide o di un video, di un sito web o di un’immagine, il contenuto che vuoi mostrare a un cliente (o a un fornitore, un partner, un collega…) farà un figurone su un tablet computer. In più, il tutto sta (quasi) in tasca. E con batterie che durano otto ore buone, se non di più, difficilmente vi lascerà a piedi nel bel mezzo della presentazione. I tablet mettono il marketing nelle mani di un numero maggiore di figure aziendali. Offrono la possibilità a un maggior numero di manager e dipendenti di trasmettere all’esterno messaggi strutturati e coerenti con la policy della vostra impresa. I contenuti chiave, quelli progettati per essere diffusi all’esterno, si diffondono con maggior velocità e l’azienda da ciò ha tutto da guadagnare. Sta già accadendo in alcuni settori, come il Fashion. E grazie all futura diversificazione dei tablet (più modelli, con caratteristiche diverse) tenderà a succedere anche in settori più difficili, come quello della manutenzione e della vendita, dove se il tablet cade e si rompe è un guaio.

5: La vostra azienda vi chiederà presto du usare un tablet sul lavoro (regalandovelo)

Per i motivi sopra descritti e per il fatto che costa (o costerà presto) molto meno di un computer portatile, la vostra azienda sarà sempre più incline ad acquistare grandi quantità di tablet per i propri dipendenti (secondo IDC, nel 2011 i tablet rappresentano già il 15% del mercato totale dei personal computer). Già accade con il top management. Ma molte imprese scelgono già il tablet come regalo aziendale per dipendenti, partner, clienti e molto presto questo oggetto entrerà a far parte della dotazione standard di un numero sempre maggiore di figure professionali. È una buona notizia per chi li produce. Ma la è senza dubbio, per le ragioni di cui sopra, anche per voi che ve li troverete presto sulla scrivania senza bisogno di comprarli.

Microsite di:  / 

Giovanni Bonamigo

Marketing & Innovation Director del Gruppo Aton

2 Commenti

  1. Balmax1 21 dicembre 2011 di 11:57 -  Rispondi

    Sono d’accordo ma…posso sostituire completamente un notebook con un tablet secondo Voi? Potrei magari connettermi ad una “macchina virtuale” creata prima cosa ne pensate

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • vending-machine-biometria

    Vending machine smart per Coca Cola, che sperimenta un’interazione 2.0

    Sensori e realtà aumentata integrate nelle vending machine che diventano smart, riconoscendo le nostre emozioni più nascoste per offrire ai consumatori un’esperienza interattiva al gusto di… coca (Cola). Il marketing scopre il real-time advertising nei distributori automatici più intelligenti. In questo case study l’ingaggio australiano punta all’innovazione più tecnologica, fondendo digital signage interattivo e product experience in…

  • scuola-gestione-mense-Rfid

    A scuola con i badge NFC: servizi scolastici più veloci ed efficienti nell’era delle smart city

    Tecnologia contactless e pagamenti elettronici anche a scuola, per la prenotazione dei servizi di mensa fatta direttamente da ogni bambino grazie all’Rfid, anzi, più precisamente grazie a un badge Nfc. Succede ad Agliè, comune del Piemonte che per l’anno scolastico 2014/2015 ha introdotto un sistema innovativo di tessere prepagate che, grazie a una card personale, all’ingresso della scuola…

  • Come cambia la gestione della produzione con IoT, Big Data e cloud: 4 punti fondamentali

    L’impatto di IoT, Big Data e cloud sulla gestione della produzione. L’informazione diventa …customer centrica

    Internet of Things, Big Data e cloud stanno portando cambiamenti significativi nella gestione della produzione industriale. L’informatizzazione supporta il business ma la IoT cambia le priorità degli IT manager. Smart city, domotica, smart object, auto intelligenti e sensorizzate, applicazioni Rfid o Nfc, sistemi M2M: l’Internet delle Cose nel prossimo futuro ci farà entrare in un’era ultra connessa,…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • Come cambia la gestione della produzione con IoT, Big Data e cloud: 4 punti fondamentali

    L’impatto di IoT, Big Data e cloud sulla gestione della produzione. L’informazione diventa …customer centrica

    Internet of Things, Big Data e cloud stanno portando cambiamenti significativi nella gestione della produzione industriale. L’informatizzazione supporta il business ma la IoT cambia le priorità degli IT manager. Smart city, domotica, smart object, auto intelligenti e sensorizzate, applicazioni Rfid o Nfc, sistemi M2M: l’Internet delle Cose nel prossimo futuro ci farà entrare in un’era ultra connessa,…

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…