DigiFashion, Rfid Italia

Vuoi vendere una cosa? Regalane un’altra! Lezione di gift marketing da Muji

0 2

Muji, brand di culto giapponese del design minimalista, da lezioni di marketing. E la sua lezione, in breve, è questa: “Se hai uno stile riconoscibile e vuoi vendere i tuoi prodotti in tutto il mondo, fai così: realizza un’applicazione per iPad efficiente ed essenziale, che rifletta il tuo stile (diciamo 5 mila euro per svilupparla), fa che sia utile a tutti (come un’agenda, che è una delle app più richieste) e poi regalala, promuovendola a dovere (altri 10 mila euro? Diciamo 20 mila al massimo). La gente ne andrà pazza, la scaricherà (quasi tutte le agende per iPad sono pagamento e molto sono davvero scadenti)”.

Muji ha messo in pratica la lezione qualche settimana fa e come volevasi dimostrare la sua app va per la maggiore. Tant’è che ha subito bissato con una seconda app, collegata alla prima, che si chiama Muji on the Go e racchiude una serie di utili strumentini pensati per chi viaggia (orologio internazionale, convertitore di valute, prese elettriche dei vari paesi…). Il bello (per Muji) è che dall’app, in modo discreto e non invasivo, si accede a un’area in cui si possono ammirare i tanti oggettini minimal-japo che l’azienda vende sul suo proprio sito di ecommerce. E così finisce che, guarda che ti riguarda, chi usa l’app prima o poi prende la carta di credito e si fa mandare a casa qualcosa. Non tutti, naturalmente, ma una certa percentuale sì. E così, i 30 mila euro spesi per regalare una cosa si trasformano in centinaia di migliaia incassati vendendone altre. I dati di vendita non li abbiamo, ma il meccanismo messo a punto da Muji è così perfetto da non lasciare molti dubbi sul successo dell’operazione.

È la gift economy, bellezza!
Ed è il trucco (gli analisti la chiamerebbero strategia di marketing) che più e più aziende stanno imparando a usare per incrementare il loro fatturato. E il bello è che funziona sia con i clienti acquisiti (chi ama già lo stile inconfondibile di Muji amerà senz’altro anche la sua agenda elettronica), cioè nell’upselling, che su quelli che ancora non conoscono il marchio (chi cerca un’agenda per l’iPad va sull’Apple Store e ne trova qualcuna carina, a pagamento, e altre, gratuite, che sembrano progettate da un geometra brianzolo negli anni Cinquanta. Poi ne vede una strana, che sembra carina e in più non costa nulla: la scarica e diventa un potenziale cliente, visto che l’agenda ce l’ha sott’occhio tutti i giorni). Due piccioni con un’app.

Va detto che il meccanismo funziona quando il brand ha una forte riconoscibilità. E calza quindi a pennello per mondo del fashion. Insomma, con tutta probabilità vedremo presto la sveglia di Prada per l’iPhone, il browser di Kalvin Kline per Android, il client Twitter di Quicksilver per il Mac. Tutti gratuiti e ben fatti, ma con un’iconcina discreta, un pulsante, un’animazione, che portano dritti dritti al sito web del marchio in questione.

È una forma di marketing con un potenziale straordinario, che in ultima analisi fa tutti contenti e, se fatta bene, non può che generare valore per chi la adotta. Perché i regali aziendali costano, si sa. Ma se sono digitali si costruiscono una volta sola. E se sono utili alla fine a usarli sono in centinaia di migliaia. Tutti potenziali nuovi clienti.

Microsite di:  / 

Paolo Conti

Rispondi

Digital news Il meglio, a confronto

  • Acciaieria-siderurgia-Rfid

    Ori Martin sceglie l’Rfid. Così la siderurgia incontra l’identificazione automatica più innovativa

    Ori Martin, specialista nella produzione di acciai speciali per il settore automobilistico in particolare e per l’industria meccanica in generale, ha scelto di investire nell’Rfid per un progetto di identificazione automatica, automazione e controllo delle fasi successive alla produzione del tondo in rotoli laminato a caldo. Nell’acciaieria bresciana la tecnologia Rfid per l’identificazione automatica ha rappresentato una sfida impegnativa, superata grazie ad…

  • Servizio-wi-fi

    Un nuovo concept di servizio Wi-Fi per Gruppo Miroglio che offre un supporto omnicanale anche alla shopping experience

    Condivisione, collaboration e CRM ad alto valore aggiunto per Gruppo Miroglio che reingegnerizza il servizio Wi-Fi offrendo connessione e accesso alle informazioni a dipendenti e consumatori. Dispositivi mobili e servizi Wi-Fi diventano il braccio armato della comunicazione e del business, consentendo maggiore sicurezza e presidio anche in store. Nato nel 1947 ad Alba, in provincia di Cuneo,…

  • auto-del-futuro-Rfid

    Più sicurezza sulle strade grazie alle auto del futuro: la Internet of Things protagonista del progetto Drive C2x

    Belle, sensibili, sicure e intelligenti: le auto del futuro saranno molto più di un mezzo per gli spostamenti grazie a sensori, tag Rfid, Gprs e tecnologie da fantascienza. Gli Intelligent Trasnport System (Its) sono infatti un capitolo fondamentale delle smart city. Molti i progetti in strada. Drive C2x, ad esempio, è uno studio finanziato dall’Unione Europea per il settore automotive con…

Idee e pensieri dagli opinionisti del Loft

  • commerce-in-italia

    E-commerce in Italia? I dati raccontano che ormai più della metà degli internauti acquista on line (soprattutto fashion, ma anche design)

    Giro di boa dell’e-commerce in Italia che vede oltre la metà dei Web surfer sposare la causa della spesa online. Negli ultimi tre mesi sono stati oltre 16,2 milioni gli utenti italiani che hanno fatto i loro acquisti su Internet, facendo decollare le vendite (soprattutto nelle aree ad alto tasso di attrazione: fashion e design)….

  • distribuzione

    La distribuzione alimentare ieri, oggi e domani. Negozi alla riscossa: il passato rivisto e corretto dal made in Italy

    Cambiamenti economici, demografici, tecnologici e un nuovo stile di vita hanno contribuito allo sviluppo di nuove soluzioni di vendita nel campo della distribuzione alimentare. Un mondo che tradizionalmente ruotava attorno alla bottega o al mercato, sta cambiando pelle: cibi e bevande, infatti, possono essere acquistati da almeno una dozzina di altri modelli di vendita al…

  • creare-una-app

    Creare un’app è una cosa seria (se vuoi farla bene). I passi essenziali da rispettare in una guida per punti

    La multicanalità mobile è un mercato goloso e la proliferazione di aziende specializzate contribuisce a diffondere l’errato convincimento che creare un’app mobile sia relativamente facile, ma la realtà è molto diversa (chi non ha fatto esperienza di app che non funzionano soprattutto in termini di tecnologia e usabilità?). Che si tratti di soluzioni per il…