Aurora, la rivista su misura grazie all’Rfid

I giornali e le riviste ormai vengono prevalentemente osservati e sfogliati. Gli esperti registrano una generale stanchezza nei confronti della carta stampata.

“Il lettore non è più tale. Ha bisogno di qualcosa di nuovo che possa soddisfare meglio le sue esigenze. Oggi esiste un eccesso di informazioni: ne troviamo ovunque e nelle forme più disparate. La più ricercata è quella online, perché è sicuramente la più aggiornata ma è anche quella meno controllata e più superficiale. Le notizie che si trovano in Rete sono ancora in fase evolutiva”. Questa, in sintesi, è la filosofia che Rita Sanvincenti, giornalista e insegnante all’Accademia di Belle Arti di Firenze, che ha raccontato a TheBitzLoft com’è nata l’idea di un nuovo format editoriale che sfrutta l’Rfid e il social networking.

Conciliando l’offline con l’online, infatti, Sanvincenti ha dato forma a un’idea innovativa che mixa le tecnologie di ultima generazione per creare informazione secondo una nuova confezione editoriale, opportunamente brevettato in Italia e all’estero.

Il mensile, che si chiama Aurora, è una rivista cartacea che verrà distribuita via posta a un panel iniziale di 50mila destinatari, italiani ed esteri. La novità? Che al momento della cellofanatura, sotto l’etichetta che riporta l’indirizzo viene apposto anche un tag Rfid contenente un codice identificativo unico dell’abbonato il quale, nel momento in cui riceve la rivista, può accedere a tutta una serie di informazioni e di notizie supplettive, aggiornate quotidianamente. Come? Tramite apposito lettore, venduto attraverso il sito della casa editrice (www.myauroratag.it) oppure, più comodamente ancora, direttamente tramite telefonino che integra tecnologia Nfc.

A tutti gli effetti si tratta di un nuovo modo di fare informazione: oltre all’identificazione a radiofrequenza e alla Near Field Communication, infatti, si sfruttano anche i nuovi modelli del Web 2.0.

«Aurora intende inaugurare un nuovo rapporto tra rivista e lettore – ha proseguito Rita Sanvincenti -. Chi si abbona riceve direttamente a casa la rivista, uguale per tutti. Attraverso l’uso del tag, ogni lettore può scaricare sul proprio device tutta una serie di informazione in base alle sue passioni, in quanto sul sito myauroratag.com è presente una sezione in cui ogni utente può creare il proprio profilo e così ricevere un servizio personalizzato, potendo scegliere tra i temi che preferisce. Può inoltre interagire con la redazione, partecipare in prima persona alla produzione delle informazioni, costruire online una community di amici con cui condividere le notizie. I temi trattati saranno principalmente quelli dell’ambiente e della sostenibilità. La tiratura iniziale, in italiano e in inglese, è volutamente ridotta per una strategia allineata ai temi della sostenibilità ambientale. Aggiusteremo la mira in base ai risultati. Il prezzo di partenza? 5 euro per ogni copia».

Partner tecnologico dell’iniziativa è lo specialista milanese Eximia, che ha aiutato a definire tutti gli aspetti di sistema della soluzione.
“Abbiamo cominciato a pensare al progetto all’inizio dell’anno scorso – ha spiegato Mario di Floriano, amministratore delegato di Eximia -. Non esistendo sperimentazioni analoghe, siamo partiti da zero, analizzando e risolvendo tutti gli aspetti tecnici legati alla soluzione, sperimentando le diverse opportunità applicative. Abbiamo scelto di implementare tag Mifare secondo lo standard Iso 14443, compatibile con l’Nfc e operanti a una frequenza di 13,5 MHz. In pratica, il tag Rfid rappresenta l’anello di congiunzione tra la rivista e il lettore, che accedendo a un’area riservata può profilarsi in modo che il sistema possa selezionare ed elaborare le informazioni in base alle sue caratteristiche”.

Aurora, insomma, può essere vista come una sorta di Crm avanzato applicato al mondo editoriale. Online saranno disponibili una serie di contenuti multimediali come video e foto che sul cartaceo per ovvi motivi non possono essere integrati. Usando i modelli inaugurati da Facebook e da Twitter, la possibilità da parte di una community di amici di poter condividere informazioni e notizie costituisce un nuovo valore aggiunto allo scambio delle informazioni, aprendo modalità di discussione di tipo interattivo, sfruttando il modello delle chat.

Oltre a proporsi come un nuovo modo di fare cultura e informazione e come nuovo servizio editoriale, Aurora rappresenta un’opportunità anche per gli inserzionisti, che potranno colpire direttamente i propri target con comunicazioni su misura. Per questo motivo l’editore non si avvale di una sola concessionaria ma collabora con diverse strutture e segue direttamente ogni cliente per non attuare una raccolta generica ma su misura dei singoli lettori.

Al momento la soluzione è stata pensata per piattaforme Windows Xp, Vista, Seven o Linux. La modalità di installazione avviene via internet browser. Il reader, grosso poco meno di un pacchetto di sigarette, si connette tramite interfaccia Usb.

Le guide all’acquisto dei Crowdy Awards

 

Smartphone

Miglior telefono

Miglior Android

Miglior dual sim

Miglior fotocamera smartphone

Cellulari con migliore batteria

Smartphone più venduti

Smartphone economici

Smartphone di fascia media

 

Tablet

Miglior tablet

Miglior tablet Android

Miglior tablet Windows

Migliore iPad

Tablet economici

Tablet da 7 pollici

Tablet da 8 pollici

Tablet da 10 pollici

Tablet Amazon

Guida: quale tablet comprare

 

Portatili

Miglior portatile

Portatili economici

Portatili 2 in 1

Migliori ultrabook

Portatili professionali

Portatili per giocare

Portatili da 12 pollici

Portatili da 13 pollici

Portatili da 14 pollici

Portatili da 15 pollici

Portatili da 17 pollici

 

Droni

Miglior drone

Droni economici

Droni professionali

Droni con telecamera

Droni DJI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *