Cos’è il Bluetooth e come funziona?

Che cos’è il Bluetooth? Uno standard di trasmissione dati senza fili che permette a due dispositivi abilitati (anche di marchi diversi) di mettersi in collegamento e scambiare dati attraverso una frequenza radio sicura a corto raggio (tipicamente 10 metri). Per capire che cos’è il Bluetooth bisogna risalire al 1994, quando un gruppo di ingegneri di Ericsson creò una tecnologia che fosse in grado di rappresentare un’alternativa wireless allo standard RS-232 (interfaccia seriale a bassa velocità di trasmissione per lo scambio di dati tra dispositivi digitali). Le caratteristiche principali di questa tecnologia sono quattro: l’assenza di cavi, il costo limitato, la completa automazione nella connessione tra dispositivi e il basso dispendio energetico. Ma oltre a chiedersi cos’è il Bluetooth spesso ci si interroga sul significato del suo nome: ebbene, il termine bluetooth è l’anglicizzazione del nome di Harald Blåtand, un re danese del X secolo d.C. che unificò tutte le tribù della sua terra e creò un’unica nazione. Fu in grado di mettere in collegamento e comunicazione popoli di natura e culture differenti… proprio come fa il Bluetooth con diversi dispositivi!
Questa infografica targata Econocom spiega come cos’è il Bluetooth e come funziona.

Cos’è il Bluetooth e come funziona?

Le infografiche di The Biz Loft sono tratte da Visiwa, il portale leader del settore creato da Loft Media per consentire a imprese, istituzioni e privati cittadini di creare, comprare e vendere infografiche statiche e dinamiche. Visiwa pubblica infografiche, come questa che spiega cos’è il Bluetooth, su qualunque argomento, dalla tecnologia al tempo libero, dalla scienza alla politica e all’economia, distinguendosi per l’alta qualità della grafica e il massimo rigore nella verifica e l’attendibilità delle fonti.
Visiwa ha creato infografiche per organizzazioni del calibro del Politecnico di Milano, di Motorola Solutions, di Europcar, di Mediaworld e di molti altri, ma pubblica gratuitamente anche le infografiche prodotte autonomamente da aziende, istituzioni, NGO e privati, purché esse rispettino gli stessi canoni di qualità e attendibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *