I preventivi prestiti online sembrano molto semplici e sono concepiti per dare ai richiedenti l’impressione che il fasso dal preventivo all’approvazione della pratica il passo sia molto breve. Ma la verità è diversa e spsso si finisce per andare alla ricerca di sistemi alternativi per farsi prestare soldi. In effetti, richiedere un prestito online non aiuta in alcun modo a semplificare la pratica di approvazione e i problemi che impediscono l’approvazione del prestito da parte della banca o della finanziaria non posso essere superati o aggirati operando via internet.

Esistono infatti diverse cose che non vi hanno detto a proposito dei preventivi prestiti online. Almeno cinque, a quanto ci risulta.

1. Solo i preventivi prestiti online sono completamente on line

Nella procedura di emissione, solo i preventivi prestiti online sono completamente on line. Arriverà un momento in cui dovrai necessariamente incontrare un funzionario della banca o della finanziaria per firmare il contratto. Al contrario di molti altri enti, chi eroga prestiti on line non accetta la firma digitale.

VEDI ANCHE: Le alternative alle finanziarie per ottenere un prestito

2. Hai scoperto che devi aprire anche un altro conto corrente?

I prestiti on line vengono erogati sia dalle società finanziarie, come la Santander o la Eurofin, ma anche dalle banche. Anzi le banche sono in forte crescita nel settore dei prestiti on line.

C’è però un dettaglio che spesso sfugge e che è difficile notare nella procedura di richiesta via internet: quasi tutte le banche impongono come condizione per la concessione dei prestiti on line l’apertura di un conto corrente presso il loro istituto. Quindi, visto che molto probabilmente avete già un conto uin un’altra banca, vi trovereste alla fine con due conti correnti: una spesa in più che, pur essendo menzionata, non spicca nei preventivi.

3. Senza saperlo, stai dando l’esclusiva

Per ottenere i preventivi prestiti online devi inserire molti dati. Fra questi ci sono anche dati sensibili, come per esempio il tuo reddito, che non solo non saresti tenuto a fornire, ma che verranno sicuramente comunicati dalla banca o dalla finanziaria a una centrale rischi (di solito è il CRIF) per avere una stima su cui basare la risposta.

Fornendo questi dati stai di fatto regalando alla finanziaria l’esclusiva, perché qualunque sia l’esito pratica non potrai più chiedere preventivi per altri prestiti on line per almeno un mese, ammesso che tu chieda la liberatoria. Nel caso lo facessi, tutti i prestiti on line sarebbero automaticamente rifiutati e non riceveresti i preventivi.

VEDI ANCHE: Gli errori da evitare chiedendo un preventivo per un prestito on line

4. L’assicurazione non è un optional

Chi propone preventivi prestiti online comprende sempre nella proposta un’assicurazione che serve a garantire l’istituto nel caso tu a un certo punto non possa più pagare le rate.

Bene, nei prestiti on line quest’assicurazione non è un optional, anche se viene a volte presentata come tale. Nessuno riesce infatti ad avere i preventivi senza aver dato il consenso. Inoltre, la polizza è maledettamente cara: può superare i 1.000€ per prestiti on line superiori ai 10.000 euro.

Attenzione inoltre alle clausole della polizza: sono tante e scritte in piccolo. Le malattie mentali, per esempio, sono sempre escluse dalla copertura. Quindi, nel caso di una depressione profonda per esempio, l’assicurazione non coprirebbe il debito.

5. Parti in ultima fila anche se credi di essere primo

Quest’ultimo fatto non riguarda solo i preventivi prestiti online, ma è importante rimarcarlo anche qui. Anche senza aver premuto ancora un tasto, hai circa il 40% di probabilità che il tuo prestito venga rifiutato (leggi lo studio della Banca d’Italia da cui sono tratti questi dati). I preventivi negativi durante i prestiti on line sono particolarmente alti quando chiedi cifre sopra i 100 euro non a fronte di un’acquisto, ma per altri motivi.

A proposito dei preventivi prestiti online…

Hai mai avuto problemi chiedendo preventivi prestiti online? Hai qualcosa da aggiungere su quanto abbiamo scritto? I commenti sono a tua disposizione.